Putin: “stiamo combattendo per la libertà non solo della Russia, ma del mondo intero” - Russia News / Новости России

Eventi

Pubblicato il Novembre 28th, 2023 | Da Redazione Russia News

0

Putin: “stiamo combattendo per la libertà non solo della Russia, ma del mondo intero”

Il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, è intervenuto in videoconferenza alla sessione plenaria del Consiglio mondiale del Popolo Russo (VRNS), dedicata al 30° anniversario dell’organizzazione. L’evento è stato organizzato con il sostegno del Fondo presidenziale per le iniziative culturali.

Il tema centrale del forum era “Il presente e il futuro del mondo russo”. All’incontro hanno partecipato il Patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Russia’, rappresentanti della Chiesa ortodossa russa e di altre organizzazioni religiose della Russia, enti governativi, associazioni pubbliche, scienziati e personalità della cultura.
Putin ha ricordato che il Consiglio mondiale del Popolo Russo è nato nel 1993. Dalla creazione del Consiglio fino al 5 dicembre 2008, il capo è stato il Patriarca di Mosca e di tutta la Russie’ Alessio II. Dal 1 febbraio 2009 – Patriarca di Mosca e di tutta le Russie, Kirill. L’assemblea rappresenta un punto di svolta per il Paese. La cattedrale ha potuto unire attorno a obiettivi comuni rappresentanti della Chiesa ortodossa russa, altre organizzazioni religiose, partiti politici, movimenti, personaggi della cultura, scienziati, imprenditori – persone con punti di vista diversi, ma unite nella loro ferma posizione patriottica.
Sulla sovranità e sul diritto storico di essere Russia.
Il Presidente ha ringraziato i presenti per il contributo al rafforzamento dello Stato russo, alla pace civile e all’armonia, al consolidamento della società e per aver aiutato i vostri connazionali e tutti coloro che sono uniti dal “grande mondo russo”, compresi quelli che si trovano nel Donbass e in Novorossiya in i ranghi delle unità militari.

La nostra battaglia per la sovranità, per la giustizia, senza alcuna esagerazione, è di natura di liberazione nazionale, perché difendiamo la sicurezza e il benessere del nostro popolo. Il più alto diritto storico è la Russia: una potenza, un paese, una civiltà forte e indipendente.

Sul “mondo russo”.

Secondo il capo dello Stato, il “mondo russo” ha ancora una volta bloccato la strada a coloro che rivendicano il dominio del mondo e la propria esclusività. È la Russia ad essere ora in prima linea nella formazione di un ordine mondiale più equo; senza una Russia sovrana e forte, nessun ordine mondiale duraturo e stabile è possibile.
Ora stiamo combattendo per la libertà non solo della Russia, ma del mondo intero. Diciamo apertamente che la dittatura di un egemone, lo vediamo, lo vedono tutti adesso, è decrepita e semplicemente pericolosa per chi lo circonda“, ha detto Putin.

Allo stesso tempo, sempre secondo Putin, senza i russi come gruppo etnico non può esistere un mondo russo e la stessa Russia. Ma questa affermazione non ha alcuna pretesa di esclusività: è semplicemente un dato di fatto. Pertanto, sono i russi ad avere la responsabilità di salvare la Russia; questo è vero patriottismo.

Solo una Russia unita, forte e sovrana è in grado di garantire il futuro e lo sviluppo originale sia del popolo russo che di tutti gli altri popoli che da secoli vivono e vivono nel nostro Paese, uniti da un comune destino storico”.

Sulla russofobia come ideologia dell’Occidente

La russofobia, così come altre forme di razzismo e neonazismo, secondo il presidente della Federazione Russa, sono diventate praticamente l’ideologia ufficiale delle élite dominanti occidentali.
L’Occidente, in linea di principio, non ha bisogno di un paese così grande e multinazionale come la Russia. La nostra diversità e unità di culture, tradizioni, lingue ed etnie semplicemente non rientra nella logica dei razzisti e dei colonialisti occidentali. Nel loro crudele schema di totale spersonalizzazione, disunità, repressione e sfruttamento”.
Per “decolonizzazione” della Russia, l’Occidente intende lo smembramento e il saccheggio del Paese.
Consideriamo qualsiasi interferenza esterna, provocazione con l’obiettivo di provocare conflitti interetnici o interreligiosi come azioni aggressive contro il nostro Paese. Come un tentativo di lanciare ancora una volta il terrorismo e l’estremismo contro la Russia come strumento per combatterci. E reagiremo di conseguenza.” Ha sottolineato Putin.

Sulle lezioni della rivoluzione

Secondo il capo dello Stato, la forza della Russia risiede nella sua diversità, che deve essere rafforzata e tutelata, e ricordare anche le lezioni della rivoluzione del 1917, della guerra civile, del crollo dell’URSS nel 1991. Anche i nati in il 21° secolo sta ancora pagando “per i calcoli errati fatti allora, per aver indulgere alle illusioni e alle ambizioni separatiste, per la debolezza del governo centrale, per la politica di divisione artificiale e violenta della grande nazione russa, il popolo trino – russi, bielorussi e ucraini.” Questi errori non possono essere ripetuti. Voglio sottolineare ancora una volta che qualsiasi tentativo di seminare odio etnico e religioso, di dividere la nostra società, è un tradimento, un crimine contro tutta la Russia. Non permetteremo a nessuno di dividere la Russia, cosa che abbiamo da soli. Su di lei, sulla nostra Patria, sono le nostre preghiere, che risuonano in diverse lingue“.

Il Presidente ha ricordato le parole di San Gregorio il Teologo: “Onorare la propria madre è una cosa sacra, ma ognuno ha la propria madre, e la madre comune è la Patria”.

Sull’abolizione dell’educazione artistica liberale in Occidente

Secondo Putin, in Occidente si pratica non solo la politica della cancellazione culture, ma anche la vera e propria abolizione dell’educazione umanistica. Di conseguenza, sia la cultura che l’istruzione diventano primitive.
Molte materie classiche vengono semplicemente espulse dai programmi di studio occidentali, sostituite da qualche tipo di genere e scienze simili, le pseudoscienze. Ma noi, al contrario, abbiamo bisogno di una vera svolta nella vita culturale”, ha affermato.

La Russia deve prendere tutto il meglio che i sistemi nazionali e mondiali di istruzione classica hanno accumulato. Allo stesso tempo, le scuole, le università e i college russi devono essere moderni, aperti a tutto ciò che è avanzato. È necessario un sistema educativo olistico in cui la famiglia, il sistema educativo, la cultura nazionale, il lavoro dei bambini, dei giovani, dello sport, delle organizzazioni militare-patriottiche e il movimento di mentoring si completino armoniosamente a vicenda.

Sul futuro della Russia

Dobbiamo risolvere compiti colossali nello sviluppo di vasti spazi dall’Oceano Pacifico al Baltico e al Mar Nero. La nostra economia, industria, agricoltura, nuove industrie, industrie creative, imprese nazionali devono aumentare il loro potenziale”, ha affermato Putin.

È stato grazie al lavoro ben coordinato degli imprenditori, ritiene il presidente, che è stato possibile contrastarel’aggressione economica senza precedenti dell’Occidentee la “guerra lampo delle sanzioni”.
Allo stesso tempo, le imprese nazionali, lavorando per rafforzare la sovranità, diventano esse stesse più forti e più sovrane, meno dipendenti dalle componenti estere. Il Presidente ha promesso di aumentare il sostegno alle imprese nazionali sovrane.

Lo sviluppo sovrano della Federazione Russa e della sua economia deve essere equo per tutti i cittadini, ma non stiamo parlando di “perequazione”.

La giustizia è, prima di tutto, condizioni di vita dignitose e moderne strutture culturali, sanitarie e sportive in tutte le regioni del Paese. Si tratta di un lavoro qualificato, ben retribuito, di alto prestigio sociale per un lavoratore, un ingegnere, un insegnante, un medico, un artista, una figura culturale, un imprenditore, ogni specialista coscienzioso, un artigiano“, ha affermato il presidente.

La Russia deve affrontare molti compiti su larga scala, la cui soluzione richiede un “lavoro conciliare”, ha aggiunto Putin.

Siamo pronti per questo. Siamo diventati più forti. Le nostre regioni storiche sono tornate alla Russia. La società abbandona tutto ciò che è superficiale e si rivolge ai valori veri, autentici. Insieme abbiamo dimostrato una forza nazionale, una volontà nazionale, una determinazione nel difendere i nostri interessi fondamentali”, ha detto il presidente russo.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine

  • Eurasia News

  • Eurasia News TV

  • RUSSIA NEWS TV

  • Russian Friendly

  • Выбранный для вас!





  • Ristorante italiano a Mosca "Baci & Abbracci"