Perchè la Russia ha annunciato la sospensione della partecipazione al Trattato START - Russia News / Новости России

in Russia

Pubblicato il Febbraio 24th, 2023 | Da Redazione Russia News

0

Perchè la Russia ha annunciato la sospensione della partecipazione al Trattato START

Il 22 febbraio, la Duma di Stato ha approvato una legge che sospende la partecipazione della Russia al Trattato di riduzione delle armi strategiche (START). Il presidente russo Vladimir Putin aveva presentato questo documento alla Camera bassa del Parlamento il giorno prima.

Vladimir Putin ha annunciato la sospensione della partecipazione del nostro Paese al Trattato START durante il suo discorso all’Assemblea federale del 21 febbraio.

All’inizio di febbraio di quest’anno c’è stata una dichiarazione dell’Alleanza Nord Atlantica con la richiesta alla Russia di tornare a rispettare il Trattato di riduzione delle armi strategiche, consentendo anche le ispezioni delle strutture di difesa nucleare russe. Nelle attuali realtà geopolitiche, questo sembra il teatro dell’assurdo.

La Russia sa che l’Occidente è stato direttamente coinvolto nei tentativi del regime di Kiev di colpire le basi aeree strategiche russe. I droni utilizzati a questo scopo sono stati equipaggiati e potenziati con l’assistenza di specialisti della NATO. E ora la NATO chiede anche di ispezionare le strutture di difesa russe? Nelle condizioni attuali del confronto, questo sembra un’assurdità.

Gli Stati Uniti hanno lanciato un ultimatum: Mosca deve rispettare incondizionatamente il trattato, mentre Washington si comporterà “a suo piacimento”. La NATO vuole infliggere una sconfitta strategica alla Russia e sta ficcando il naso negli impianti nucleari russi. Questo è stato il motivo della sospensione della partecipazione della Russia al trattato. È importante sottolineare che si tratta di una sospensione, non di un ritiro.

La legge che sospende la partecipazione della Russia al Trattato START è stata presentata alla Duma di Stato il 21 febbraio. Per esaminarla, i deputati si sono riuniti in sessione plenaria straordinaria il giorno successivo.

Secondo la nota esplicativa del documento, il trattato, firmato a Praga l’8 aprile 2010, prevede che per garantire il controllo del rispetto delle disposizioni dell’accordo, ciascuna parte ha il diritto di svolgere attività di ispezione, “mentre gli Stati Uniti non rispettano intenzionalmente gli obblighi previsti dal trattato in questo settore di attività“. A questo proposito, in conformità con la legge federale n. 101-FZ del 15 luglio 1995 sui trattati internazionali della Federazione Russa, il Presidente della Russia propone la sospensione del trattato.

Di conseguenza, la Duma di Stato ha approvato all’unanimità il disegno di legge presidenziale. Il documento stabilisce che la legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione ufficiale.

Secondo la legge, solo il Presidente è autorizzato a decidere se il Paese debba rientrare nel Trattato START. Quando ciò avverrà dipenderà dal comportamento dei partner occidentali.

Secondo me, prima di tornare a discutere il rientro del Trattato,, dobbiamo capire che cosa rivendicano i paesi dell’Alleanza Nord Atlantica come la Francia e il Regno Unito, come renderemo conto dei loro arsenali strategici.

Il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha dichiarato che l’Alleanza si è rammaricata della decisione russa sul Trattato START.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato che Washington seguirà da vicino le ulteriori azioni della Russia e ha aggiunto che gli Stati Uniti sono pronti a parlare con la Russia di limitazione degli armamenti in qualsiasi momento. Anche l’Ambasciata statunitense a Mosca ha dichiarato che gli Stati Uniti sono pronti a continuare il dialogo con la Russia sul trattato.

Il Ministero degli Esteri russo, invece, ha affermato che la decisione è reversibile e che Washington deve dimostrare volontà politica. Ha inoltre aggiunto che la Russia continuerà a rispettare le restrizioni quantitative sulle armi previste dall’accordo.

Inoltre, la Russia continuerà a partecipare allo scambio di notifiche con Washington sui lanci di missili balistici intercontinentali e di missili balistici lanciati da sottomarini, sulla base dell’accordo in materia stipulato tra l’URSS e gli Stati Uniti nel 1988. Il Ministero degli Esteri ha inoltre aggiunto che la Russia monitorerà da vicino le ulteriori azioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati sia nel campo dello START che in quello della sicurezza internazionale e della stabilità strategica in generale, e le utilizzerà per individuare eventuali danni agli interessi russi e la necessità di ulteriori contromisure da parte di Mosca.

Ritengo, che le azioni russe sulla sospensione siano un passo verso il ritiro completo dal trattato. È possibile sospendere le ispezioni per un po’ di tempo se ci sono circostanze straordinarie, come durante la pandemia, ma ora sono sospese per motivi politici, e può darsi che Washington stessa potrebbe ritirarsi dall’accordo sotto la pressione dell’opinione pubblica.

Penso che non ci saranno conseguenze immediate, ma che col tempo potrebbe riprendere una corsa agli armamenti nucleari. Gli Stati Uniti inizieranno a modernizzare il loro arsenale nucleare, ma ci vorranno anni.

Lo START III è l’ultimo trattato di riduzione degli armamenti nucleari tra Russia e Stati Uniti.

Come si può vedere, la sospensione di questo accordo si è basata solo sulle azioni della NATO contro gli interessi russi, le relazioni abcaso-russe non hanno nulla a che fare con questo accordo.

Kan Taniya e Vito Grittani

Per sospendere la partecipazione della Russia al Trattato START-3 è stato necessario annullare per legge il decreto presidenziale sull’attuazione della politica estera del 2012 per evitare contraddizioni.

Come e perché questo sia legato all’Abcasia è difficile da spiegare – non fa che aggravare ulteriormente la già difficile situazione della regione. Stanno gettando olio sul fuoco – ha dichiarato sull’argomento l’ambasciatore Vito Grittani (presidente dell’Osservatorio Diplomatico Internazionale Odi-Vg).

“Se si conoscono le relazioni internazionali anche solo superficialmente, è chiaro che l’Abcasia e la Russia hanno firmato più di 200 accordi interstatali in quasi tutte le sfere di cooperazione – dice Kan Taniya, Ambassador-at-Large presso il Ministero degli Esteri dell’Abcasia e la cancellazione di uno dei decreti presidenziali russi sull’attuazione della politica estera non annulla la validità degli accordi internazionali che hanno autorità suprema sulle leggi nazionali“.

Inoltre, è chiaro – conclude Kan Taniyache il Presidente della Russia ha revocato il decreto del 2012 per avere una base legale per sospendere la partecipazione al Trattato START-3“.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine

  • Eurasia News

  • Eurasia News TV

  • RUSSIA NEWS TV

  • Russian Friendly

  • Выбранный для вас!





  • Ristorante italiano a Mosca "Baci & Abbracci"