Lavrov: nel 2024, la Russia si è posta l’obiettivo di eliminare ogni dipendenza dall’Occidente - Russia News / Новости России

Esteri

Pubblicato il Gennaio 18th, 2024 | Da Redazione Russia News

0

Lavrov: nel 2024, la Russia si è posta l’obiettivo di eliminare ogni dipendenza dall’Occidente

Ecco i punti chiave della conferenza stampa del ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov.

Nel 2024, la Russia si è posta l’obiettivo di eliminare ogni dipendenza dall’Occidente, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, durante una conferenza stampa su tutto il lavoro diplomatico svolto dalla Russia nel 2023.

Il ministro degli Esteri ha smorzato le voci sui colloqui diretti tra Mosca e Kiev, presumibilmente in preparazione, e ha nominato i paesi che la Russia considera la sua “cerchia ristretta.

Ecco le dichiarazioni chiave di Lavrov:

Sugli amici della Russia

I rapporti tra Russia e Cina vivono attualmente il periodo migliore della loro storia secolare.

Le relazioni sono più salde, affidabili e più avanzate di quelle di un’unione militare nella sua precedente interpretazione dell’era della Guerra Fredda“. “In tutti i casi gli interessi di Russia e Cina raggiungono un denominatore comune dopo i negoziati, e questo è un esempio per la risoluzione di qualsiasi problema da parte di qualsiasi altro partecipante alla comunicazione globale.”

I rapporti di cooperazione particolarmente privilegiati con l’India si sviluppano gradualmente. Anche la Russia porta le relazioni con gli Stati africani a un livello veramente strategico. Sviluppa le relazioni con il continente latinoamericano. La cerchia ristretta della Russia comprende anche Iran, Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Qatar.

Sui BRICS

Circa 30 stati sono interessati al riavvicinamento ai BRICS. Questa associazione ha un grande futuro davanti a sé. Essendo una struttura globale superregionale, i BRICSsimboleggia la diversità di un mondo multipolare”. Il rifiuto dell’Argentina di aderire ai BRICS in questo momento è una decisione sovrana di questo paese. “Questo non è un rifiuto all’adesione, questa è una spiegazione del motivo per cui non sono pronti a farlo a questo punto.”

Sull’Ucraina

La Russia non ha nulla contro gli accordi di altri stati con l’Ucraina, ma ciò non cambierà i piani di Mosca e gli obiettivi dell’operazione speciale saranno raggiunti.

Non ci sono speranze che la Russia venga sconfitta in alcun modo. Coloro che non sono riusciti a imparare la storia – e sono molti in Occidente – possono sognarla.”

L’Ucraina andrà incontro alla sorte dell’Afghanistanperché, quando ci si affida al proprio padrone senza rendersi conto che il padrone pensa solo a se stesso e non a te, non ci si può aspettare che gli interessi del proprio popolo vengano presi in alcun modo in considerazione“.

La Russia considera con filosofia i segnali dell’Occidente riguardanti la soluzione della pace in Ucraina. In precedenza, il presidente Vladimir Putinha detto ancora una volta: non rifiutiamo i negoziati, ma coloro che lo fanno devono capire che più ritardano, più difficile sarà per loro negoziare“.

Ora vediamo che questa profezia si sta avverando“, ha detto Lavrov.

Le notizie dei media secondo cui Mosca e Kiev potrebbero tenere trattative dirette a Ginevra sono solo voci.

Non spetta all’Ucraina decidere quando fermarsi e quando parlare seriamente di presupposti realistici per la fine di questo conflitto“, “è necessario parlarne con l’Occidente“.

“L’Occidente non vuole alcuna soluzione costruttiva che tenga conto delle legittime preoccupazioni della Russia“. Ciò è dimostrato dall’incitamento e dalla coercizione di Kievall’uso sempre più aggressivo di armi a lungo raggio per colpire la Crimea, al fine di renderla inadatta alla vita, e anche in profondità nel territorio russo, e non solo l’incitamento, ma la consegna dei corrispondenti anche le armi.”

Sul controllo degli armamenti

Qualche tempo fa Washington aveva sollevato la questione del controllo degli armamenti al solo scopo di riprendere le ispezioni e visitare gli impianti nucleari russi”. “Nel frattempo, hanno spedito agli ucraini armi che sono state usate, ad esempio, per attaccare le nostre basi di bombardieri strategici“. “Quindi è così: ‘Sì, sei nostro nemico, ti abbiamo dichiarato nostro nemico. Ma siamo pronti a parlare di rivedere il tuo arsenale nucleare strategico. Non è correlato“.

È impossibile parlare del ripristino di un dialogo sulla stabilità strategica con gli Stati Uniti separatamente dalla situazione generale della sicurezza, quindi non vi è alcuna base per alcuna conversazione.

Moscanaturalmente non rifiuta questa prospettiva, così come non rifiuta l’opzione di una soluzione politica e diplomatica dei disaccordi esistenti“. “Ma condizioniamo fermamente tale opzione al totale rifiuto da parte dell’Occidente del suo percorso dannoso verso il completo indebolimento della sicurezza della Russia e dei suoi interessi, nonché alla mancanza di rispetto pubblica e dimostrativa per i nostri interessi fondamentali“. Tuttavia, “gli americani non hanno mai desiderato una revisione così completa dei problemi di stabilità strategica“.

Sulla situazione nello Yemen

Gli Stati Uniti, insieme ai loro alleati, hanno calpestato tutte le norme del diritto internazionale.

Nessuno ha dato a nessuno il mandato di bombardare lo Yemen.” “E le scuse di Washington sembrano molto patetiche“.

È difficile fare previsioni sulla possibilità di un dialogo. “La cosa più importante in questo momento è fermare un’aggressione contro lo Yemen, perché più gli americani e gli inglesi bombardano il territorio yemenita, meno gli Houthi saranno desiderosi di negoziare“.

Sul conflitto israelo-palestinese

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden e altri stati occidentali comprendono che sarà molto difficile risolvere la situazione in Medio Oriente senza la creazione di uno stato palestinese.

I contatti semi-chiusi con il coinvolgimento degli Stati Uniti, di Israele e di alcuni paesi arabi non implicano un dialogo diretto tra palestinesi e israeliani; implicano invece che gli adulti si accorderanno su come i palestinesi dovranno continuare a vivere, e poi glielo racconteranno“. “Questo non produrrà alcun successo”.

È impossibile garantire la sicurezza affidabile di Israele senza la creazione di uno Stato palestinese. E la Russia è molto interessata che gli israeliani vivano in sicurezza. Questo è il nostro partner di lunga data“.

Su Armenia e Azerbaigian

La mancanza di progressi nella normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian è causata dalla posizione di Yerevan. Si avvale del consiglio dell’Occidente, che cerca di impedire l’attuazione degli accordi trilaterali tra Mosca, Baku e Yerevan.

L’Azerbaigian è pronto a firmare un trattato di pace con l’Armenia sul territorio russo, ma la posizione di Yerevan non è chiara.Ci sono tutte le ragioni per dire che l’Occidente vuole impedire il rispetto degli accordi che Erevan e Baku hanno raggiunto con la mediazione della Russia“.

Il formato “3+3 sulla Transcaucasia è promettente, “perché non dipende da alcuna congiuntura geopolitica globale, ed è libero da questo gioco di ‘preservare l’egemonia’ che Washington e i suoi colleghi di Bruxelles sviluppano attualmente“.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine

  • Eurasia News

  • Eurasia News TV

  • RUSSIA NEWS TV

  • Russian Friendly

  • Выбранный для вас!





  • Ristorante italiano a Mosca "Baci & Abbracci"