In Serbia aperte 9.000 nuove società russe - Russia News / Новости России

Serbia

Pubblicato il Febbraio 11th, 2024 | Da Redazione Russia News

0

In Serbia aperte 9.000 nuove società russe

Secondo l’Agenzia serba dei registri delle imprese (APR), entro la fine del 2023 i cittadini russi hanno registrato in Serbia circa 9.000 nuove società, un numero che dovrebbe aumentare nel 2024. Lo riferisce l’indipendente “Moscow Times”.

I dati riflettono l’interesse della comunità russa nel mettere radici a lungo termine quasi due anni dopo il conflitto con l’Ucraina, che ha innescato l’arrivo di circa 370.000 russi nel Paese balcanico. Nei primi mesi dopo l’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina, i nuovi arrivati ​​russi aprirono soprattutto ristoranti, bar e saloni di bellezza che soddisfacevano i gusti russi. Secondo un sondaggio del Centro per le Politiche Europee (CEP), alcune di queste erano società ombra create dai migranti per ottenere un permesso di soggiorno temporaneo in Serbia.
Ma alla fine del 2023, i russi a Belgrado e Novi Sad avranno maggiori probabilità di aprire asili nido, negozi online, impianti di produzione, società immobiliari e spazi di coworking. A guidare la crescita sono anche gli specialisti IT, gli sviluppatori di software, i consulenti legali e commerciali, che beneficiano dei vantaggi che offrono loro le autorità serbe.

Maria, che ha lavorato come fiorista a Mosca prima di lasciare il Paese nel marzo 2022, ha fondato qualche mese fa un servizio di consegna fiori, ciao.flowers, a Belgrado. Ha detto di essere motivata da un sentimento condiviso da molti russi urbani: “non trovavano la qualità del servizio a cui erano abituati”. “Ho deciso di avviare un’attività in proprio quando mi sono resa conto che non riuscivo a trovare un negozio di fiori a Belgrado dove avrei voluto comprare fiori“, ha detto al Moscow Times. “Volevo qualcosa di moderno, trendy, con belle composizioni e buon gusto.” Per prima cosa ha testato se i tanti russi che lavorano nel grande ufficio Yandex di Belgrado, dove lavora anche suo marito, volessero un abbonamento floreale. La richiesta era così grande che un mese dopo offrirono il servizio completo. “Se parliamo di come gli stranieri possono avviare un’impresa qui, è molto più semplice che, ad esempio, in Turchia“, ha affermato. “E conveniente. E quando siamo arrivati, avevamo già molti amici che avevano avviato un’attività, quindi non è stato difficile per noi.”

Dmitrij, che ha lasciato la Russia nel settembre 2022 e ha fondato una società di noleggio di attrezzatura per escursionismo e alpinismo chiamata Veterok ma crede che la Serbia potrebbe essere più favorevole alle piccole imprese. “Come imprenditore individuale, sei obbligato a pagare almeno 350 euro ogni mese“, ha detto Dmitrij. “Per coprire questi costi e realizzare un profitto è necessario un fatturato elevato, cosa impossibile all’inizio del progetto. Ecco perché molte persone ricorrono al lavoro nero”.

Quando nel 2022 è arrivata la prima ondata di russi, molti hanno avviato frettolosamente attività commerciali per ottenere un permesso di soggiorno che può portare, dopo tre anni, al passaporto serbo. Secondo l’APR, il numero di aziende di proprietà russa è salito a 6.000 quest’anno, rispetto alle 2.000 del 2021. L’aumento delle aziende di proprietà di emigranti è favorito dai crescenti legami economici tra Russia e Serbia. A differenza dei paesi occidentali che rendono difficile ai russi fare affari, per non parlare di attraversare i propri confini, la Serbia ha resistito alle pressioni per aderire alle sanzioni contro Mosca e tagliare i suoi legami amichevoli di lunga data con il paese. Air Serbia offre voli giornalieri tra Belgrado, Mosca e San Pietroburgo, consentendo agli imprenditori opportunisti di viaggiare avanti e indietro. Le aziende serbe sono state addirittura sanzionate dal Regno Unito e dall’UE per aver esportato prodotti a duplice uso in Russia.

In cambio, le catene di approvvigionamento russe in Serbia sono aumentate. Le più evidenti sono le file di cioccolato Aljonka con l’iconica faccia da bambino e altri prodotti russi che ora si trovano sugli scaffali dei supermercati serbi. Allo stesso tempo, i rapporti dalla Russia mostrano che il tradizionale brandy serbo, la rakia, appare sempre più sugli scaffali di Mosca. Aziende russe come saloni di bellezza o la catena di caffè Koffilin, a fronte di carenze di materiali, scelgono di importare materiali russi più costosi invece di acquistarli da fornitori locali o dalla Cina, rafforzando ulteriormente le catene di approvvigionamento russo-serbe.

Anche la Serbia dipende fortemente dal gas russo. Secondo un rapporto di dicembre dell’APR, la compagnia petrolifera di proprietà russa Nafta Industrija Srbije (NIS) è stata la compagnia più redditizia in Serbia nel 2022. Il gigante russo del gas Gazprom ha acquisito una quota di maggioranza (51%) della società nel 2008. Gazprom sostiene anche la principale squadra di calcio di Belgrado, la Stella Rossa.
Mentre Bruxelles e Londra esprimono preoccupazione per il rafforzamento dei legami tra Russia e Serbia – il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha definito la Serbia un “procuratore russo – la Serbia sembra essere positiva riguardo all’afflusso. Il primo ministro Ana Brnabic ha dato il benvenuto alle migliaia di professionisti russi e ha affermato che i nuovi arrivati ​​potrebbero contribuire a trasformare la Serbia in un polo tecnologico.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine

  • Eurasia News

  • Eurasia News TV

  • RUSSIA NEWS TV

  • Russian Friendly

  • Выбранный для вас!





  • Ristorante italiano a Mosca "Baci & Abbracci"