Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporozhye: dal 23 al 27 settembre i referendum per chiedere l’adesione alla Federazione Russa - Russia News / Новости России

Senza categoria

Pubblicato il Settembre 20th, 2022 | Da Redazione Russia News

0

Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporozhye: dal 23 al 27 settembre i referendum per chiedere l’adesione alla Federazione Russa

Lunedì scorso, come abbiamo già scritto, le Camere Civiche di LPR e DPR si sono rivolte ai capi delle repubbliche con un invito a indire immediatamente i referendum sull’adesione alla Federazione Russa. Martedì i parlamenti delle repubbliche hanno proclamato una serie di leggi atti a disciplinare lo svolgimento dei referendum. Tutti i cittadini di età superiore ai 18 anni possono votare indipendentemente dalla loro ubicazione. I residenti dei territori della DPR sotto il controllo di Kiev potranno votare, se evacuati in Russia o nei territori liberati della repubblica.

La Commissione elettorale centrale LPR annuncerà l’esito entro cinque giorni. Secondo quanto riferito, i capi della repubblica, Leonid Pasechnik e Denis Pushilin, hanno già firmato le relative leggi sui referendum.

La LPR e la DPR coordinano e sincronizzano i loro processi di preparazione, che coinvolgono esperti nello svolgimento del voto al fine di garantire la trasparenza. Le autorità della LPR hanno in programma di invitare osservatori internazionali al referendum. La Camera Civica della DPR ha dichiarato che tutto è pronto per il voto, comprese le Commissioni elettorali centrali di entrambe le repubbliche.

La votazione si svolgerà in entrambe le repubbliche dal 23 al 27 settembre. Nella DPR il voto sarà misto: sia di persona che online. Le autorità non vedono difficoltà a tenere il voto nelle unità militari della DPR.

In caso di esito positivo, il capo della DPR, Denis Pushilin chiederà al presidente russo Vladimir Putin di decidere sull’ammissione della Repubblica alla Federazione Russa.

Kherson

Vladimir Saldo, capo dell’amministrazione militare-civile della regione di Kherson, ha anche annunciato la decisione di tenere un referendum di adesione il 23 e 27 settembre. L’iniziativa è stata approvata all’unanimità dal Consiglio pubblico regionale.

Le autorità regionali si aspettano un’affluenza fino all’80%, ha affermato il capo dell’amministrazione militare-civile Kirill Stremousov. Potranno votare anche i rifugiati provenienti dalle “aree cuscinetto” – territori temporaneamente occupati dalle forze ucraine. Gli oppositori dell’integrazione con la Russia non saranno perseguitati, hanno affermato le autorità.

Gli elettori della regione potranno utilizzare tutte le tecnologie disponibili per votare, incluso il voto online. Tuttavia, ha affermato Stremousov che la sicurezza del referendum sarà assicurata.

Stremousov ha affermato che Kherson ha già avviato consultazioni con la Russia sul voto. Ha espresso la speranza che la Russia ammetta la regione dopo il referendum. Il capo dell’amministrazione militare-civile Saldo ha dichiarato che avrebbe contattato il presidente russo con una richiesta di approvazione dell’esito dopo la votazione.

Stremousov ha osservato che le forze russe controllano il 95% della regione e ha espresso la speranza che il risultato renderà la vita della regione più sicura. Non ci sarà alcuna mobilitazione obbligatoria dopo il referendum.

Zaporozhye

Anche il congresso dei residenti della regione di Zaporozhye si è riunito martedì scorso a Melitopol per discutere un referendum sull’adesione alla Russia. Il movimento locale “Siamo insieme alla Russia” si è rivolto al capo dell’amministrazione militare-civile, Yevgeny Balitsky, chiedendo di tenere un referendum di adesione. Balitsky ha già firmato un ordine per tenere un referendum tra il 23 e il 27 settembre. Secondo Balitsky, la regione è tecnicamente pronta per un referendum ei suoi confini sono ben protetti.

Il leader del movimento “Siamo insieme alla Russia” è certo che l’adesione alla Russia garantirà libertà, vita, pace, comprensione reciproca e benessere alla popolazione della regione. Secondo Rogov, tutto è pronto per il referendum. Il controllo incompleto delle forze russe sulla regione di Zaporozhye non metterà a repentaglio la legittimità del referendum, ritiene, anche se sarebbe impossibile tenere il referendum nella città di Zaporozhye, che attualmente è sotto il controllo dell’Ucraina.

La posizione della Russia

Commentando i referendum, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha notato la posizione della Russia secondo cui è la popolazione dei territori corrispondenti che deve definire il proprio futuro. Secondo il ministro degli Esteri, la situazione attuale conferma che il popolo del Donbass vuole essere padrone del proprio destino.

La Camera bassa del Parlamento russo sosterrà il popolo del Donbass, se decidesse di unirsi alla Russia, ha detto il presidente della Duma di Stato, Vyacheslav Volodin. Il primo vicepresidente del Consiglio della Federazione Russa (Camera alta) Andrey Turchak ritiene che il referendum avrà luogo e cementerà legalmente che “il Donbass e i territori liberati sono ora la Russia“.

Il capo della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, Leonid Slutsky, ha affermato che la DPR e la LPR devono unirsi alla Russia e che Mosca deve assumersi la responsabilità della sicurezza di queste regioni.

La Camera Civica russa è pronta a condividere l’esperienza sul voto online con le repubbliche del Donbass. La Crimea è pronta ad aprire seggi elettorali per i rifugiati del Donbass e della regione di Kherson. La Repubblica di Crimea è anche pronta ad aiutare questi territori a garantire la sicurezza durante il voto. La regione di Rostov si è inoltre dichiarata disposta a organizzare, se necessario, seggi elettorali per i rifugiati provenienti da LPR e DPR.

Dmitry Medvedev

Sulla proposta delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk di convocare subito i referendum per aderire alla Russia:

I referendum nel Donbass sono di grande importanza, non solo per la protezione sistemica degli abitanti di LNR, DNR e altri territori liberati, ma anche per il ripristino della giustizia storica. Cambieranno completamente il vettore dello sviluppo della Russia per decenni. E non solo nel nostro Paese. Perché dopo la loro implementazione e l’accettazione di nuovi territori in Russia, la trasformazione geopolitica nel mondo diventerà irreversibile. L’invasione del territorio della Russia è un crimine, che consente di utilizzare tutte le forze di autodifesa. Ma è anche importante che, dopo gli emendamenti alla Costituzione del nostro stato, nessun futuro leader della Russia, nessun singolo funzionario, sarà in grado di annullare queste decisioni. Ecco perché questi referendum sono così temuti a Kiev e in Occidente. Ecco perché devono essere effettuati“.

Vladimir Putin

Per quanto riguarda la Russia, non abbandoneremo la nostra politica sovrana. In qualità di membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, siamo determinati a portare avanti l’agenda internazionale unificante e a contribuire alla ricerca di risposte efficaci a numerose sfide contemporanee e minacce e promuovere una soluzione di acuti conflitti regionali”, ha affermato Putin. “Questa è precisamente la posizione della Russia nell’attuale 77a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite“.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine

  • Eurasia News

  • Eurasia News TV

  • RUSSIA NEWS TV

  • Russian Friendly

  • Выбранный для вас!





  • Ristorante italiano a Mosca "Baci & Abbracci"