Site icon Russia News / Новости России

Sandu impedisce ai moldavi di votare alle elezioni presidenziali russe

Vladimir Putin con Igor Dodon

Il presidente della Moldavia, Maia Sandu crea deliberatamente ostacoli nell’organizzazione delle elezioni presidenziali russe sul territorio del paese per compiacere i “curatori occidentali, ha detto l’ex presidente della Moldavia e leader del partito d’opposizione dei socialisti Igor Dodon.

Non credo che Washington o Bruxelles chiedano questo a Maia Sandu. L’Europa non ha problemi ad aprire i seggi elettorali per le elezioni presidenziali russe. Penso che Sandu voglia così compiacere i suoi curatori occidentali che sta cercando di creare un problema anche qui,” ha detto Dodon in una dichiarazione video pubblicata sul suo canale Telegram.

La Russia ha chiesto lo scorso novembre l’apertura dei seggi elettorali per le elezioni presidenziali russe in Moldavia, dove vivono più di 200.000 cittadini russi. Il portavoce del Ministero degli Esteri della Moldavia, Igor Zakharov, ha recentemente affermato che “la questione è in fase di studio e verrà data una risposta entro un lasso di tempo ragionevole“. Tuttavia, il nuovo ministro degli Esteri della Moldova, Mihai Popsoi, nominato la settimana scorsa, ha sottolineato che Chisinau non può interferire con l’apertura di un seggio elettorale sul territorio dell’ambasciata russa, ma non permetterà che appaia nella non riconosciuta Transnistria.

Durante le elezioni presidenziali russe del marzo 2018, in Moldova sono stati aperti 27 seggi elettorali. Tre di loro si trovavano nel territorio della Moldavia e altri 24 nel territorio della Transnistria, dove vive la maggior parte dei cittadini russi.

RED

CLICCA MI PIACE:
Exit mobile version