Site icon Russia News / Новости России

Al Cremlino si è svolta la cerimonia di insediamento di Vladimir Putin come Presidente della Federazione Russa

La cerimonia è iniziata con l’introduzione cerimoniale della bandiera dello Stato della Russia, dello stendardo del presidente, della Costituzione della Russia e del distintivo del presidente della Russia nella Sala di Sant’Andrea del Gran Palazzo del Cremlino.

In conformità con l’articolo 82 della Costituzione della Federazione Russa, alla presenza dei membri del Consiglio della Federazione, dei deputati della Duma di Stato e dei giudici della Corte Costituzionale della Federazione Russa, Vladimir Putin ha prestato giuramento al popolo russo. Il presidente della Corte Costituzionale Valery Zorkin ha annunciato l’insediamento di Vladimir Putin alla presidenza della Federazione Russa.

Successivamente, nella Piazza della Cattedrale, il Reggimento presidenziale è stato presentato al Presidente della Russia, Comandante in Capo Supremo delle Forze Armate della Federazione Russa, Vladimir Putin, in occasione della sua assunzione in carica. Il capo dello Stato si è congratulato con il reggimento per l’88esimo anniversario della sua formazione.

Nella Cattedrale dell’Annunciazione del Cremlino, il Patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Russia ha celebrato una preghiera di ringraziamento.


Questo il discorso alla cerimonia di insediamento del Presidente della Russia, Vladimir Putin:

Cari cittadini russi! Signore e signori! Cari amici!

In questi verbali solenni e responsabili dell’assunzione della carica di Presidente, vorrei ringraziare sinceramente i cittadini russi di tutte le regioni del nostro Paese, gli abitanti delle nostre terre storiche, che hanno difeso il diritto di stare insieme alla Patria.

Voglio inchinarmi ai nostri eroi, ai partecipanti all’operazione militare speciale, a tutti coloro che combattono per la Patria.

Ancora una volta vi ringrazio per la fiducia e il sostegno e ora mi rivolgo a tutti i cittadini russi.

Ho appena prestato le parole del giuramento presidenziale. Il suo testo concentra l’essenza della più alta missione del capo dello Stato: proteggere la Russia e servire il nostro popolo.

Capisco che questo è un enorme onore, responsabilità e sacro dovere. Questo è ciò che ha determinato il significato e il contenuto del mio lavoro negli anni precedenti. Vi assicuro che in futuro per me gli interessi e la sicurezza del popolo russo rimarranno al di sopra di ogni altra cosa.

La volontà consolidata di milioni di persone è una forza colossale, prova della nostra ferma convinzione comune che determineremo noi stessi il destino della Russia e solo noi stessi per il bene delle generazioni attuali e future.

Voi, cittadini russi, avete confermato la correttezza della rotta del Paese. Ciò è di grande importanza in questo momento, quando ci troviamo di fronte a sfide serie. Vedo in questo una profonda comprensione dei nostri obiettivi storici comuni, una determinazione a difendere risolutamente la nostra scelta, i nostri valori, la libertà e gli interessi nazionali della Russia.

Sono fiducioso che supereremo con dignità questo periodo difficile e fondamentale, diventeremo ancora più forti e attueremo sicuramente piani a lungo termine e progetti su larga scala volti a raggiungere gli obiettivi di sviluppo.

E questo è, prima di tutto, salvare le persone. Sono fiducioso che il sostegno ai valori e alle tradizioni familiari secolari continuerà ad unire le associazioni pubbliche e religiose, i partiti politici e tutti i livelli di governo.

Le nostre decisioni sullo sviluppo del Paese e delle regioni devono essere efficaci ed eque e migliorare il benessere e la qualità della vita delle famiglie russe.

Siamo stati e saremo aperti a rafforzare le buone relazioni con tutti i paesi che vedono nella Russia un partner affidabile e onesto. E questa è davvero la maggioranza globale.

Non rifiutiamo il dialogo con gli Stati occidentali. La scelta è loro: intendono continuare a cercare di frenare lo sviluppo della Russia, continuare la politica di aggressione, la pressione continua sul nostro paese per anni, o cercare una via verso la cooperazione e la pace.

Ripeto: un dialogo, anche su questioni di sicurezza e stabilità strategica, è possibile. Ma non da una posizione di forza, senza alcuna arroganza, presunzione ed esclusività personale, ma solo ad armi pari, nel rispetto degli interessi reciproci.

Insieme ai nostri partner nell’integrazione eurasiatica e ad altri centri di sviluppo sovrani, continueremo a lavorare per formare un ordine mondiale multipolare e un sistema di sicurezza uguale e indivisibile.

In un mondo complesso e in rapido cambiamento, dobbiamo essere autosufficienti e competitivi, aprendo nuovi orizzonti per la Russia, come è accaduto più di una volta nella nostra storia.

Ma è importante per noi ricordare le sue lezioni, per non dimenticare il tragico prezzo dei disordini e degli sconvolgimenti interni. Pertanto, il nostro sistema statale e socio-politico deve essere forte e assolutamente resistente a qualsiasi sfida e minaccia, garantire la progressione e la stabilità dello sviluppo, l’unità e l’indipendenza del Paese.

Allo stesso tempo, stabilità non significa inerzia. Il nostro sistema statale e sociale deve essere flessibile e creare le condizioni per il rinnovamento e il progresso.

Vediamo come è cambiata l’atmosfera nella società, quanto oggi vengono apprezzate l’affidabilità, la responsabilità reciproca, la sincerità, la decenza, la nobiltà e il coraggio. Farò di tutto affinché le persone che hanno dimostrato le loro migliori qualità umane e professionali dimostrino con i fatti la loro lealtà alla Patria e occupino posizioni di comando.

Dobbiamo garantire una continuità affidabile nello sviluppo del Paese per i decenni a venire, crescere ed educare le giovani generazioni che rafforzeranno il potere della Russia, svilupperanno il nostro stato, che si basa sull’armonia interetnica, preservando le tradizioni di tutti i popoli che vivono in Russia, una civiltà-paese unita dalla lingua russa e dalla nostra cultura multinazionale.

Cari amici!

Farò tutto il necessario, tutto ciò che è in mio potere per giustificare la vostra fiducia, e per farlo utilizzerò tutti i poteri del Capo dello Stato, sanciti dalla Costituzione. Allo stesso tempo, vorrei sottolineare: i risultati di questo lavoro dipendono in modo decisivo dalla nostra unità e coesione, dal nostro desiderio comune di beneficiare la Patria, proteggerla e lavorare con piena dedizione.

Oggi, infatti, siamo responsabili nei confronti della nostra storia millenaria e dei nostri antenati. Hanno conquistato vette apparentemente inaccessibili, perché hanno sempre messo al primo posto la loro Patria, sapevano che potevano raggiungere obiettivi veramente grandi solo insieme al loro Paese e al loro popolo, e hanno creato una potenza mondiale, la nostra Patria, e hanno ottenuto trionfi che ancora ispirano noi oggi.

Guardiamo avanti con fiducia, pianifichiamo il nostro futuro, delineamo e stiamo già implementando nuovi progetti e programmi pensati per rendere il nostro sviluppo ancora più dinamico, ancora più potente.

Siamo un grande popolo unito e insieme supereremo tutti gli ostacoli e daremo vita a tutti i nostri progetti. Vinciamo insieme!

Vladimir Putin

RED

CLICCA MI PIACE:
Exit mobile version