VLADIMIR PUTIN: "LA RUSSIA STA AUMENTANDO LA FORNITURA DI GAS VERSO L'EUROPA MENTRE GLI ALTRI FORNITORI L'HANNO DIMINUITA" - Russia News / Новости России

Oil & Gas

Pubblicato il Ottobre 17th, 2021 | Da Redazione Russia News

0

VLADIMIR PUTIN: “LA RUSSIA STA AUMENTANDO LA FORNITURA DI GAS VERSO L’EUROPA MENTRE GLI ALTRI FORNITORI L’HANNO DIMINUITA”

Il gas, che ha più alta percentuale di utilizzo nella produzione di energia elettrica, pari nel 2020 al 67%, è attualmente al centro dell’attenzione per gli aumenti di prezzo e di temporanea scarsità, con le conseguenti problematiche di natura geopolitica, geoeconomica e anche tecnologica. Come spesso è accaduto negli ultimi anni, i governi dei paesi europei hanno cercato il capro espiatorio nella Russia, nonostante da tempo si era garantito che eventuali deficit di ingresso dei flussi sarebbero stati compensati in tempo reale da altre modalità o fonti di approvvigionamento, come il gas azero della TAP.

Abbiamo approfittato del recente Russian Energy Week 2021, chiusosi lo scorso 15 ottobre, per riproporre le parti salienti dell’intervista fatta nell’occasione dalla giornalista americana della CNBC, Hadley Gamble, al presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin.

  • Vladimir Putin: Ascolti, ha appena detto che non stiamo fornendo gas all’Europa tramite gasdotti. Lei è stato ingannata, come tutti gli altri che utilizzano informazioni dalle soliti fonti. Stiamo aumentando le consegne in Europa; Gazprom ha aumentato le forniture del 10% e, in generale, la Russia ha aumentato le forniture all’Europa del 15%. Il gas dei gasdotti è aumentato del 10% e il GNL fino al 13%. Stiamo aumentando, non riducendo le consegne. Ma altri fornitori hanno ridotto le consegne di 14 miliardi di metri cubi. I fornitori statunitensi rappresentano la metà dei tagli. Ho detto qualcosa che non ha capito? Mi ha sentito? Stiamo aumentando le consegne. E se ci viene chiesto di aumentare ulteriormente, siamo pronti ad aumentare ulteriormente le consegne. Stiamo aumentando tanto quanto chiedono i nostri partner. Non abbiamo negato una sola richiesta, non una sola, e stiamo aumentando le forniture alla Turchia, tramite Blue Stream e Turk Stream ; stiamo aumentando le forniture ai Balcani – sono state reindirizzate tramite Turk Stream ora, ma stiamo aumentando le consegne anche attraverso le rotte esistenti. Abbiamo persino aumentato le forniture attraverso il sistema di trasporto del gas ucraino. L’aumento delle forniture di quest’anno attraverso il sistema di trasporto del gas ucraino, in eccesso rispetto ai nostri obblighi contrattuali per il transito, sarà di circa il 10%. Non possiamo più aumentarlo. Tutti suggeriscono che dovremmo aumentare ulteriormente le forniture attraverso l’Ucraina. Ma è pericoloso perché il GTS non viene riparato da decenni in Ucraina. Può scoppiare se si aumenta la pressione e l’Europa perderà completamente questa rotta. Circa l’80% delle apparecchiature è obsoleto, oltre l’80%. Nessuno vuole ascoltare o sentire niente. Tutti sono determinati a dare la colpa alla Russia.
  • Hadley Gamble: Chi sono? Partner europei?
  • Vladimir Putin: i malvagi della Russia. Possono essere in Europa o in altri paesi in qualsiasi parte del mondo.
  • Hadley Gamble: Ok, mi spieghi questo. In sostanza, i mercati stanno cercando un senso di stabilità qui. Sta dicendo che, in termini di aumento delle forniture all’Europa, otterreste un aumento della capacità attuale fino al 15 percento? L’AIE dice che potrebbe calmare i mercati.
  • Vladimir Putin: Ho già detto che l’abbiamo aumentato del 15 per cento. Proprio adesso. Nei primi nove mesi del 2021 abbiamo aumentato le consegne di gas in Europa del 15%. Vedi, non siamo noi il problema. Sono gli europei che hanno causato questo problema. Non hanno riempito le loro strutture di stoccaggio in tempo. Innanzitutto, i generatori eolici non funzionavano in estate. Tutti lo sanno. Non puoi farne a meno, perché il tempo era così. Non hanno pompato in tempo la quantità di gas di cui avevano bisogno nei loro depositi sotterranei. Sono stati riempiti solo al 75%, che è molto poco. Tutti lo capiscono e lo vedono. Le consegne da altre parti d’Europa e dagli Stati Uniti sono diminuite. Abbiamo aumentato le forniture, mentre gli Stati Uniti le hanno ridotte. Naturalmente, tutto ciò ha causato il panico. Questo è ciò che l’ha causato. Parte delle risorse energetiche, una parte del gas, è immagazzinata negli impianti di stoccaggio sotterranei dell’Ucraina. Potrei non avere le cifre esatte, dal momento che non abbiamo dati precisi, ma circa 18 miliardi di metri cubi di gas, forse un po’ di più, sono stati pompati negli impianti di stoccaggio sotterranei dell’Ucraina. Una parte consistente di questo volume non appartiene agli operatori ucraini, ma a quelli europei, a enti privati, ecc. Sappiamo, e i nostri partner occidentali sanno cosa sta succedendo oggi nel settore energetico ucraino. Nel 2008 non siamo stati in grado di recuperare il gas da questi impianti di stoccaggio anche se apparteneva alla Russia. Perché la crisi energetica è iniziata con l’Ucraina nel 2008? Volevamo indietro il nostro gas, ma si sono rifiutati e hanno iniziato a consumarlo. Oggi ci sono politici irresponsabili in Ucraina che chiedono la nazionalizzazione di questo gas, intendo dire il gas negli impianti di stoccaggio sotterranei dell’Ucraina che non appartiene all’Ucraina. E cosa possiamo vedere adesso? Vediamo operatori privati, compresi quelli stranieri, che iniziano a pompare gas dagli impianti di stoccaggio sotterranei dell’Ucraina. Siamo pronti a consegnare ancora più gas, ma per farlo è necessario ordinare questi volumi. Glielo dico io: aumentiamo le consegne nella misura in cui ci viene chiesto di farlo. Oggi le nostre forniture sono aumentate del 15% e se ne chiedono di più, gliene daremo ancora di più. Questo rientra nei nostri impegni contrattuali. Non solo adempiamo a tutti i nostri obblighi, ma siamo anche pronti a superarli, ma per farlo abbiamo bisogno di ordini per volumi aggiuntivi. Dopotutto, non possiamo inviare gas nel nulla. Deve avere una destinazione. Consegniamo quanto ci viene chiesto. Non c’è stato un solo caso in cui ci siamo rifiutati di consegnare.
  • Hadley Gamble: Queste cose avranno un costo. Potete assicurarci che non ci saranno truffe sui prezzi?
  • Vladimir Putin: Lascia che glielo spieghi. Questa è la seconda domanda molto importante. I nostri partner europei hanno insistito sulla creazione di un hub europeo, uno scambio, pensando che lo scambio di gas su un mercato libero avrebbe bilanciato il mercato dell’energia. Come ho affermato di recente, questo è stato principalmente il caso dell’ex collegio dei Commissari europei. Abbiamo sempre detto loro che i contratti a lungo termine devono rimanere una priorità. Questi approcci implicano diversi meccanismi di fissazione dei prezzi. In base a contratti a lungo termine, i prezzi sono ancorati ai prezzi globali del petrolio greggio e di alcuni altri prodotti petroliferi come il gasolio, ecc. Non c’è alcun segreto al riguardo. Tuttavia, è il mercato che determina questi prezzi. Vorrei sottolineare che questo meccanismo di determinazione dei prezzi è ancorato al prezzo del petrolio sul mercato. Nessuno impone niente a nessuno. Inoltre, c’è un certo ritardo prima che i prezzi del gas vengano adeguati rispetto al petrolio, circa sei mesi, Il mercato a pronti è diverso. I prezzi dipendono dall’offerta e da molte circostanze difficili da prevedere. C’è troppa incertezza: se l’inverno è freddo e lungo, gli impianti di stoccaggio del gas sotterranei possono essere riempiti o meno, le turbine eoliche possono smettere di funzionare, i prezzi possono salire in Asia e le forniture di gas possono trasferirsi lì. Le ragioni che hanno portato a un’impennata dei prezzi sul mercato europeo sono evidenti. Tuttavia, Gazprom non vedrà mai questi soldi, che si tratti di 2.000 dollari per 1.000 metri cubi, o di 1.500 dollari o di 1.225 dollari, che è il prezzo attuale. Gazprom vende gas con contratti a lungo termine legati al prezzo del petrolio. Alcuni dei nostri colleghi in questa stanza sono capi di società russe che sanno che il petrolio, intendo il greggio russo degli Urali, è attualmente scambiato a 81-82 dollari al barile. I prezzi praticati da Gazprom sono legati a questi prezzi del petrolio. Gazprom non ottiene $ 2.000 per 1.000 metri cubi. Ecco perché abbiamo costruito il primo gasdotto, Nord Stream 1, in Germania lungo il fondale del Mar Baltico, e stanno per completare il secondo. La Germania acquista il gas per $ 250, $ 230 o al prezzo massimo di $ 300 per 1.000 metri cubi, non $ 2.000 o $ 1.500. Ciò significa che Gazprom in realtà perde denaro. Sul mercato spot, avrebbe guadagnato $ 1.200 per 1.000 metri cubi, ma invece ottengono $ 250 a $ 300. Tuttavia, Gazprom è interessata a mantenere questa stabilità. Come mai? Perché sanno che venderà una certa quantità di gas a un prezzo minimo specifico, che consente loro di pianificare la loro politica di investimento. Ciò avvantaggia sia il fornitore che il consumatore.
  • Hadley Gamble: Allora qual è un prezzo equo per il gas russo, quando hai 800 milioni di persone che stanno affrontando un inverno molto molto freddo? Che cos’è un prezzo equo?
  • Vladimir Putin: L’ho già detto.
  • Hadley Gamble: Il petrolio è sopra 80.
  • Vladimir Putin: Come ho detto, questo è un prezzo equo, che non è regolato dal governo; è regolato dal mercato petrolifero. I prezzi del petrolio sono diminuiti l’anno scorso o nel 2019 e di conseguenza anche i prezzi del gas sono diminuiti immediatamente. E, naturalmente, anche Gazprom ha ridotto la produzione, i guadagni e i profitti netti, e anche tutto il resto è diminuito. I prezzi del petrolio hanno iniziato a crescere a poco a poco e anche i suoi redditi sono aumentati. Ma non trae profitto dai prezzi spot speculativi in ​​Europa. Voglio che tu senta questo, e voglio che anche quelle persone che guarderanno il nostro incontro lo sentano. Trae profitto dalle quotazioni del prezzo del petrolio e dai contratti a lungo termine. Ripeto per la terza volta che non riceve 2.000 dollari, come al London Exchange o da qualche altra parte in Europa. E, naturalmente, questi paesi, inclusa la Germania, sono i nostri principali consumatori. Tali paesi, i nostri principali consumatori, come la Germania, dovrebbe inchinarsi a Gerhard Schroeder per il fatto che la Germania ora riceve il gas a $ 300, anziché $ 1.000 o $ 1.500. Questo è un fattore positivo per le famiglie, per i cittadini della Repubblica federale di Germania, per l’industria e per la competitività globale dell’economia europea.
  • Hadley Gamble: Signor Putin, alla fine della giornata, però, c’è una grande domanda che circonda, come lei ha menzionato, il gioco dello scaricabarile. Una persona che non ha incolpato la Russia è, ovviamente, il cancelliere uscente della Germania, Angela Merkel. Ha sostenuto di continuare a utilizzare l’Ucraina per fornire gas all’Europa, oltre gli impegni del 2024. Può impegnarsi in tal senso?
  • Vladimir Putin: È una grande esagerazione dire che non incolpa la Russia di nulla. Abbiamo approcci molto diversi a molte questioni e problemi. Le affermazioni…
  • Hadley Gamble: Ma non su Nord Stream 2 .
  • Vladimir Putin: Sì, parlando di Nord Stream 2 , hai ragione, non ci ha mai biasimato perché io e lei abbiamo sempre pensato che si trattasse di un progetto puramente commerciale e non politicamente motivato, come hanno sempre detto gli oppositori del progetto. Hanno detto che era economicamente non redditizio e politicamente motivato, e che la Russia perderà solo da questo, ma sta costruendo Nord Stream 1 , Nord Stream 2 , Turk Stream , ecc., Per aggirare l’Ucraina, puramente per considerazioni politiche. Ascolti, questa è solo un’altra sciocchezza, totale sciocchezze. Lascia che ti spieghi questo. Innanzitutto, il sistema di trasmissione del gas dell’Ucraina è stato costruito partendo dal presupposto che solo un territorio della Federazione Russa, vale a dire il giacimento di Urengoy, producesse gas. Questo deposito si sta esaurendo a poco a poco e abbiamo iniziato a produrre gas nelle regioni più settentrionali, inclusa la penisola di Yamal, e da lì abbiamo iniziato a costruire il nostro nuovo sistema di gasdotti. Da oltre un decennio costruiamo in modo persistente e graduale propaggini di oleodotti in tutta la Federazione Russa, partendo dalle nostre capacità. Abbiamo anche iniziato a costruire le nostre rotte di esportazione da lì. È così che sono nati Nord Stream 1 e Nord Stream 2 . Passiamo ora alla fattibilità economica e alle motivazioni politiche. Tutti, per favore, ascoltate attentamente quello che sto dicendo. Questo percorso è più corto di 2.000 km rispetto al percorso ucraino; pertanto, collega i nostri principali consumatori in Europa più rapidamente ed è più economico. Vedete, questo significa un transito più breve ed economico, anche per i consumatori finali, perché il prezzo di transito fa parte del prezzo finale per i consumatori, compresi quelli in Europa e nella Repubblica federale di Germania. È A – più corto; B – è quindi più economico; C – utilizza attrezzature all’avanguardia, comprese tubazioni per il pompaggio di gas ad alta pressione e attrezzature per il pompaggio del gas. Che cos’è una stazione di compressione del gas? È un piccolo impianto che pompa il gas lungo il gasdotto, ma nel processo utilizza parte del gas e provoca emissioni. Quello che volevo dire è che per Nord Stream 1 e soprattutto Nord Stream 2 , le emissioni di CO2 sono 5,6 volte inferiori rispetto al sistema di trasporto del gas ucraino. Quando alcuni affermano che esiste un’agenda politica, stanno semplicemente ignorando i fatti ovvi. Sono quelli che sono guidati da motivi politici. Nord Stream 2 , proprio come Nord Stream 1 , sono progetti puramente economici. Questo è quello che ha sempre detto il Cancelliere uscente, e sono pienamente d’accordo con lei.
  • Hadley Gamble: Quindi estenderete i vostri impegni per continuare con il flusso di gas attraverso l’Ucraina, oltre il 2024?
  • Vladimir Putin: Anche questo è un progetto puramente economico. Le ho già detto che il grado di usura all’interno del sistema di trasporto del gas ucraino è compreso tra l’80 e l’85 per cento. Mantenere, per non parlare di aumentare i volumi, è una sfida e ora li stiamo aumentando nonostante tutte le probabilità, indipendentemente dalle nostre differenze politiche. Ho già detto che quest’anno supereremo i nostri obblighi contrattuali sul transito del gas del 10 per cento. Per lo meno, avrebbero potuto ringraziarci per questo. Invece, tutto ciò che sentiamo sono insulti. Tuttavia, per pompare gas, è necessario assicurarsi che, in primo luogo, il sistema sia a norma. Questo vale per noi, per i consumatori europei e per gli operatori ucraini. Questo è il primo punto. In secondo luogo, dobbiamo capire quanto possiamo vendere. Questa è una domanda molto importante. Ho sollevato questo problema con la signora Merkel e lei ci ha sempre posto la stessa domanda. Per rispondere alla sua domanda, lascia che ti dica che siamo pronti a mantenere questo contratto. Inoltre, possiamo anche aumentare le forniture, se vengono soddisfatte le condizioni economiche e tecnologiche necessarie. Ma dobbiamo capire quanto possiamo vendere. Probabilmente ci saranno domande sull’ambiente, la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, l’impronta di carbonio, ecc. Ma se l’Europa vuole abbandonare il combustibile da carbonio, inclusa la rinuncia al gas in futuro, come possiamo impegnarci per aumentare transito in Ucraina, se l’Europa vuole smettere di comprare il nostro gas? Dicci quanto hai intenzione di acquistare e firma un contratto su queste consegne. In questo modo sapremo quanto possiamo consegnare lungo la rotta settentrionale, quanto andrà a Turk Stream, e quanto passerà ancora attraverso l’Ucraina, e se possiamo aumentare questo volume. Dobbiamo capire quale sarà il volume di mercato. Quando l’Europa ci dice, e tutti gli altri, che stiamo riducendo l’impronta di carbonio e ci stiamo allontanando dal carbonio, ma dopo il 2024 dovrai pompare gas attraverso l’Ucraina per chissà per quanto tempo, forse 100 anni, che senso ha ? Sei sano di mente? Sediamoci, mettiamo le carte in tavola, apriamole e contiamo tutto. Se la domanda è se siamo pronti, la risposta è positiva. Siamo pronti. Dobbiamo calcolare tutto.
  • Hadley Gamble: Alexander Novak, il suo vice primo ministro, la scorsa settimana stava suggerendo che muoversi rapidamente con gli ostacoli normativi, togliendoli di mezzo prima di consentire al gas di passare attraverso il Nord Stream 2, avrebbe effettivamente, almeno a medio termine, alleviare la crisi del gas che stiamo vedendo in Europa. Hai avuto qualche indicazione dall’Europa che si sta muovendo più rapidamente, che potremmo vedere Nord Stream 2 essere online in una data prima?
  • Vladimir Putin: No, al contrario. Vediamo che le barriere amministrative sono ancora lì, e ci sono varie questioni relative al Terzo Pacchetto Energia in Europa, e questo progetto non fa eccezione. Ci sono una serie di dettagli e non voglio dilungarmi troppo su questo in questo momento. Queste barriere amministrative esistono e devono ancora essere rimosse. So che Nord Stream 2 ne sta attualmente discutendo, tra l’altro con le autorità tedesche. Il regolatore tedesco deve prendere la decisione corrispondente, ma non l’ha ancora fatto. Naturalmente, se potessimo aumentare le consegne attraverso questa rotta, ciò allevierebbe notevolmente le tensioni sul mercato energetico europeo. Sono sicuro al 100% di questo. Naturalmente, ciò influenzerebbe i prezzi sul mercato europeo del gas. Questo è ovvio. Tuttavia, finora non possiamo farlo a causa delle barriere amministrative.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator





  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!