Esteri

Pubblicato il luglio 31st, 2017 | Da Redazione

0

SANZIONI E RITORSIONI USA-RUSSIA: VIA 755 DIPLOMATICI AMERICANI DALLA RUSSIA ENTRO SETTEMBRE

Mosca – Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che 755 diplomatici degli Stati Uniti dovranno lasciare la Russia. Una risposta alle nuove sanzioni imposte a Mosca da Washington. La decisione porta a 455 i dipendenti dell’ambasciata e dei consolati Usa sul territorio russo: “Più di un migliaio di persone hanno lavorato e lavorano ancora” nelle rappresentanze diplomatiche americane in Russia”, ha spiegato Putin parlando a Rossia 24.755 persone dovranno fermare le loro attività in Russia”, ha precisato il presidente della Federazione Russa.

La Russia ha offerto agli Usa di avviare la cooperazione molte volte, anche sulla cybersecurity, ma ha ascoltato soltanto accuse senza fondamento”, ha dichiarato Putin aggiungendo di aver sperato a lungo su un “miglioramento delle relazioni” con Washington ma apparentemente la situazione non cambierà presto”, si legge su Ria Novosti.

Abbiamo aspettato che qualcosa potesse cambiare in meglio, avevamo questa speranza, ma apparentemente se cambierà non sarà presto” ma “ho deciso di dimostrare che non lasceremo nulla senza una risposta”, ha aggiunto Putin. Gli Stati Uniti, ha spiegato il presidente russo, “hanno preso di nuovo una decisione senza alcuna provocazione verso un deterioramento delle relazioni russo-americane”. Il taglio del personale diplomatico americano in Russia dovrà essere effettivo entro settembre.

E’ venuto il momento di mostrare agli Stati Uniti che non lasceremo le loro azioni senza risposta. Washington ha assunto posizioni che peggiorano i nostri rapporti bilaterali e possiamo mettere in campo anche altre misure per rispondere” aggiunge Putin, confermando le parole del vice ministro degli esteri Sergei Ryabkov. In un’intervista ad Abc, Ryabkov ha parlato di ”varie opzioni” a disposizione di Mosca, senza sbilanciarsi sui dettagli. L’annuncio di Putin rappresenta un’escalation negativa nei rapporti con Washington, nonostante il dialogo ”costruttivo” fra Donald Trump e il presidente russo ad Amburgo a margine del G20. Non è escluso che Mosca possa inasprire ulteriormente la sua ritorsione contro gli Stati Uniti per sanzioni ritenute ingiustificate. Sanzioni criticate duramente anche dall’Unione Europea. E accolte con scetticismo anche da Trump: il provvedimento approvato dal Congresso non impone solo sanzioni alla Russia, ma limita allo stesso tempo l’autorità del presidente su una loro eventuale abolizione. Pur non convinto, Trump ha assicurato che firmerà il progetto, decidendo così di non aprire un nuovo fronte di scontro con il Congresso sulla Russia, che già è al centro delle indagini che vedono coinvolto il presidente.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator






  • Russia News TV

  • Russia News Magazine