Marche

Pubblicato il aprile 10th, 2018 | Da Redazione Russia News

0

Recanati: un pezzo d’Italia nelle Marche

Recanati – La statua di Leopardi, nell’omonima piazza, sembra essere stata realizzata differentemente dall’immaginario collettivo, tanto che i suoi difetti fisici sono quasi attenuati; probabilmente un omaggio da parte dei suoi gentili concittadini, che almeno dopo la morte hanno provato a donargli quella pace che non ha mai trovato durante la sua tormentata esistenza.

Anche se è mattina presto, vedo riversarvi tra le antiche vie di Recanati molti turisti, armati di tecnologiche macchine fotografiche, che immortalano parti dell’antico tessuto storico.  L’ala nord del palazzo comunale è  “fasciato”, come tutta la sua facciata secondaria, da ponteggi assemblati probabilmente per dei restauri dovuti alla furia del sisma, che continua a martellare a dovere questa sofferente terra.

Advertisements

Solo l’elegante torre ghibellina, che giganteggia sul costruito, sui cui lati spiccano i simboli cittadini, sembra non aver sofferto le ferite inferte dal terremoto, infatti non noto tiranti o altri accorgimenti statici sulla sua bella arte muraria.

Molti cittadini, entusiasti dei primi raggi di sole di questa ritrovata giornata primaverile, camminano vestiti con eleganti tute, fuori e dentro la cinta muraria. Parlottano amabilmente tra loro muovendo all’unisono le gambe, anche se qualche volta presi dalla stanchezza li vedo fermarsi per ristorarsi.

Ogni parte di Recanati cela un ricordo, un pezzo d’Italia che abbiamo dimenticato, un personaggio celebre come il tenore Beniamino Gigli, che fu definito il secondo Caruso.

Arrivato a casa Leopardi m’imbatto in una strofa del “Sabato del Villaggio” e percettivamente immagino ragazzi scherzare e giocare, come fanno tutti i giovani del mondo e ciò mi fa soffrire molto, perchè ripenso a quanto tempo ho sperperato dietro ad argomenti futili, che ai tempi potevano essere scogli insormontabili e che oggigiorno ritengo sciocchezze senza senso. Sono al nastro di partenza della mia maturità ed a ripensare agli svaghi ed a quei momenti magici, che non possono avere la stessa intensità di allora, rifletto a quando credevo che la mia gioventù fosse eterna.

L’ultima tappa sono le due stupende mostre all’interno del complesso di Villa Colloredo, ma quella che mi colpisce maggiormente è dedicata all’immigrazione marchigiana, dove un treno virtuale mette in mostra vite dei nostri avi, partiti per lidi lontani nella speranzosa ricerca di lavoro. Mentre ascolto le loro avventure mi soffermo sulla mia giovane fotografa, pensando a come la storia si ripeta ciclicamente; questa volta tocca alla nostra generazione, bruciata dalla mala politica andar via per trovare fortuna.

La bellezza di Recanati è proprio questa, un vaso di Pandora da dove fuoriescono emozioni e ricordi, a partire dalla poetica del Leopardi caro a tanti estimatori.

Marco Iaconetti  



CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator






  • Russia News TV

  • Russia News Magazine



  • Выбранный для вас!