Moda

Pubblicato il Gennaio 14th, 2022 | Da Redazione Russia News

0

Pitti Immagine si conferma punto di riferimento mondiale della moda

I BRAND RUSSI PRESENTI A FIRENZE

FirenzePitti Uomo 101 e Pitti Bimbo 94 hanno registrato 8.000 visitatori di cui 4.900 buyer da 60 Paesi. Olanda (138 buyers), Francia (134), Spagna (124), Germania (120), Gran Bretagna, Svizzera, Belgio, Turchia, Usa e Russia. Buoni risultati dai paesi del nord Europa (Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia) e sono da segnalare alcune presenze di qualità anche da Cina, Giappone, Corea del Sud, Cina – Hong Kong e anche dagli Emirati. Successo anche per Pitti Bimbo 94, che quest’anno si è svolta contestualmente a Pitti Uomo 101, con ben 170 collezioni presentate.

La manifestazione ha riunito alla Fortezza da Basso di Firenze, 548 collezioni per l’autunno-inverno 22-23, il 28% delle quali internazionali. Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine, la società che organizza le fiere di Firenze (Uomo, Bimbo, Filati e altre ancora) l’ha definita “un’edizione giusta, perché era giusto farla, c’era bisogno di sostegno forte, di fiducia, in un momento in cui i contagi sono aumentati, ma le fiere per legge si possono fare, e l’economia reale legata ai settori specifici che noi rappresentiamo aveva bisogno di un segnale di tenuta. Noi l’abbiamo dato ed è stata un’edizione complessa e positiva allo stesso tempo“.

Anche il feedback delle aziende è positivo: le aspettative, non certo alte, sono state superate. E lo spirito di squadra ha vinto sul timore delle defezioni. Presenti, ovviamente, i compratori italiani. A caccia di prodotti per la prossima stagione autunnale, con una buona dose di incertezza ma anche ottimismo, 35 delle 42 boutique italiane di Histores hanno mandato i propri buyer a Pitti e il dato che hanno sottolineato in molti, è quanto l’acquisto in presenza sia fondamentale “perché non basta vedere il capo, va toccato“, come ha detto Marco Inzerillo, titolare e buyer della boutique Inzerillo di Palermo e presidente dell’associazione di boutique Histores.

Tra le tante novità in Fortezza, hanno raccolto feedback molto positivi tra buyer e stampa il nuovo Futuro Maschile al Piano Attico del Padiglione Centrale, con la sua proposta fresca di brand menswear tra contemporary classic e sportswear; le collezioni dei 10 designer internazionali di S|Style sustainable style, l’area speciale sul menswear responsabile più innovativo. E naturalmente tutti i progetti speciali, i debutti e le novità che le aziende di Pitti Uomo e Pitti Bimbo hanno scelto di lanciare proprio da Firenze.

I marchi russi: OLOVO, RED SEPTEMBER, SHU.

OVLOVO:

Il marchio storico russo OLOVO produce abbigliamento urbano moderno basato su uniformi militari e sportive sovietiche dal 2015. Il nome e il logo di OLOVO si riferiscono al soldatino di stagno, un giocattolo sovietico e un’immagine memorabile per molte persone. La linea OLOVO Heritage fa riferimento alle divise delle Forze Armate dell’URSS, mentre la linea Sport si ispira alle divise sportive dell’URSS degli anni ’60 – ’80. OLOVO utilizza oggetti d’archivio originali, adattando le silhouette e i tessuti allo stile di vita moderno. Il marchio utilizza tessuti europei high-tech e collabora con fabbriche locali che hanno prodotto uniformi militari durante l’URSS. A Pitti Uomo, OLOVO ha presentato una collaborazione con Nigel Cabourn per l’FC Dinamo Mosca che verrà lanciata in negozi selezionati e online nel 2022. La collezione sarà dedicata a Lev Yashin, il leggendario portiere della Dinamo Mosca, e renderà omaggio al suo stile unico e divisa da calcio sovietica.

RED SEPTEMBER:

Red September, brand di abiti maschili e femminili fondato nel 2018 dalla stilista Olga Vasyukova, suggerisce di vedere le solite cose da una nuova prospettiva. Olga lavora in diversi settori: design, illustrazione, produzione, servizi fotografici e collaborazioni di immagini. La stilista ha conseguito il diploma di Fashion Design al Polimoda e le sue prime vetrine a Firenze. Alla sua prima educazione Olga è un’ingegnere ferroviario, il che spiega molti abiti complessi su misura e tecnologici. Il designer lavora con il concept di ogni collezione enfatizzando il mix dell’estetica dimenticata della vecchia scuola con i punti chiave di ogni disciplina artistica contemporanea.

SHU:

SHU è il marchio di abbigliamento laconico e funzionale per la vita quotidana. Per nove anni ha fatto la strada dalla sartoria a mano di impermeabili alla produzione in grande fabbrica. Due collezioni stagionali all’anno e diverse linee tematiche tra cui abbigliamento, accessori e oggetti di uso quotidiano. Tutti i nostri prodotti sono casual, versatili e funzionali. Questo approccio si riflette non solo nel design dell’abbigliamento, ma anche negli interni dei nostri negozi, dove tutte le forme sono laconiche e ogni dettaglio è pensato e ha una sua funzione. Oggi SHU è una catena di sei negozi di marca in Russia con distribuzione in tutto il mondo. Il nostro obiettivo è creare abbigliamento che ti aiuti a sentirti a tuo agio e sicuro di te, ma allo stesso tempo ti lasci spazio per l’espressione personale.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator





  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!