Quel giorno stavo passeggiando in centro con la mia amata zia del..." /> PAURA DELLE BAMBOLE - Russia News / Новости России


Roma

Pubblicato il marzo 20th, 2014 | Da admin

0

PAURA DELLE BAMBOLE

Quel giorno stavo passeggiando in centro con la mia amata zia del Sud, venuta a Roma per passare un paio di giorni insieme. Di solito ci piace far partire il nostro tour da Piazza del Popolo e percorrere così tutta Via del Corso ma L'Ospedale delle Bambole antica bottega romanastavolta, non so perché, abbiamo optato per Via di Ripetta. Ricordo che ci siamo fermate anche a mangiare qualcosa di leggero in un piccolo ristorante a conduzione familiare proprio da quelle parti. E’ stato quindi davvero un caso l’incontro con il posto incredibile che sto per descrivervi; in tanti anni a Roma, non lo avevo mai visto prima! Atmosfera spettrale, decide e decine di teste, arti, e corpi di bambole antiche, di porcellana, legno o cartapesta davanti ai miei occhi. Praticamente ero appena incappata nella vetrina di un vero e proprio “Ospedale delle bambole” al civico 29. Sono rimasta ferma lì per almeno 5 minuti, incredula e stupita di scoprire che, in circa 15 metri quadrati, potesse esistere un luogo in grado di salvare la vita alle bambole della nostra infanzia, di quella di nostra madre o addirittura, nei casi piu’ fortunati, delle nostre nonne. Seppur logorati da anni, qui gli oggetti tornano magnificamente al loro splendore originario, si rianimano anche giocattoli antichi come soldatini di piombo o marionette, ricordi familiari e oggetti preziosi di varia natura, dai vasi di porcellana alle ceramiche ai soprammobili in gesso. Fa sorridere che un posto così particolare, sia in realtà conosciuto dai romani come ¨il negozio del terrore¨ della città a causa della sua Ospedale delle Bambole a Roma antica bottega Restauri Artistici Squatritiinquietante vetrina, come vi dicevo, piena di teste, braccia e gambe di bambole e di una collezione di BUHOS ma anche per quei giocattoli messi tra le sbarre del balcone poco sopra l’ingresso. La prima sensazione che si percepisce una volta davanti la vetrina è che il tempo lì sia rimasto indietro, che vada a rallentatore. Tutt’intorno esplode la modernità ma non lì, non in quell’angolo. L’antica bottega Restauri Artistici Squatriti, come recita l’insegna, è un negozio al cui interno, come da tradizione di famiglia, le bambole e non solo vengono “curate” con esattezza, delicatezza e precisione dall’esperto artigiano Federico Squatriti, (con l’aiuto della madre Gelsomina, di ben 82 anni). Di origini napoletane, la famiglia gestisce questo laboratorio di restauro dal secondo dopoguerra e resiste eccezionalmente ai ritmi dei nostri tempi moderni, tempi in cui è sempre piu’ raro trovare un negozio di restauro ancora in piena attività. Gli Squatriti lavorano instancabilmente dodici ore al giorno riuscendo a riparare almeno 4 o 5 pezzi per volta. Ogni cosa viene trattata con talmente tanta cura che, a lavoro finito, viene addirittura restituita al padrone con anche un quaderno diagnostico che indica le riparazioni subite e i consigli su come trattarla. I prezzi per queste operazioni sono variabili e dipendono soprattutto dal lavoro svolto e dal tempo di cui ha necessitato la riparazione. Trovo sia davvero eccezionale tutto questo tant’è che ne conservo ancora una foto ricordo.

Francesca Brienza

Advertisements
CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator






  • Russia News TV

  • Russia News Magazine



  • Выбранный для вас!