Non si ripetano mai più orrori come il folle sterminio subito un se..." /> IL PAPA AI GIOVANI ARMENI: " SORGA LA PACE NEL NAGORNO KARABAKH". - Russia News / Новости России


Caucaso

Pubblicato il giugno 26th, 2016 | Da admin

0

IL PAPA AI GIOVANI ARMENI: ” SORGA LA PACE NEL NAGORNO KARABAKH”.

Yerevan – “Non si ripetano mai più orrori come il folle sterminio subito un secolo fa dal popolo armeno”. Questo quanto pronunciato dal Papa durante la sua visita in Armenia, dove haPAPA FRANCESCO IN ARMENIA rinnovato il suo appello a ricordare le ferite del popolo armeno.   Accolto con calore da una folla di oltre 50mila persone, Papa Francesco Bergoglio nel discorso pronunciato nella Piazza della Repubblica di Yerevan, nel corso dell’Incontro ecumenico con il Catholicos Karekin II ( Il supremo patriarca e catholicos di tutti gli armeni)  ha anche pregato perché “si riprenda il cammino di riconciliazione tra il popolo armeno e quello turco e la pace sorga anche nel Nagorno Karabakh”.

Questo immane e folle sterminio – ha detto il Papa durante il suo discorso – questo tragico mistero di iniquità che il vostro popolo ha provato nella sua carne, rimane impresso nella memoria e brucia nel cuore“. “Voglio ribadire che le vostre sofferenze ci appartengono – ha incalzato il Pontefice, applaudito dalla folla – ricordarle non è solo opportuno, è doveroso affinché siano un monito in ogni tempo perché il mondo non ricada mai più nella spirale di simili orrori!“.

Advertisements

L'incontro tra Papa Francesco e Karekin II - ANSAIl Santo Padre ha poi ricordato “quanto siano grandi oggi gli ostacoli sulla via della pace, e quanto tragiche le conseguenze delle guerre!“. Ancora una volta il Papa ha voluto ricordare anche il dramma dei profughi. “Penso – ha spiegato – alle popolazioni costrette ad abbandonare tutto, in particolare in Medio Oriente, dove tanti nostri fratelli e sorelle soffrono violenza e persecuzione, a causa dell’odio e di conflitti sempre fomentati dalla piaga della proliferazione e del commercio di armi, dalla tentazione di ricorrere alla forza e dalla mancanza di rispetto per la persona umana, specialmente per i deboli, per i poveri e per coloro che chiedono solo una vita dignitosa“. “Ricordare tutto questo è necessario, anzi, doveroso – ha aggiunto il pontefice – perché laddove non sussiste la memoria significa che il male tiene ancora aperta la ferita; nascondere o negare il male è come lasciare che una ferita continui a sanguinare senza medicarla“.

Poi rivolgendosi ai giovani il Pontefice ha detto che “questo futuro vi appartiene: facendo tesoro della grande saggezza dei vostri anziani, ambite a Resta alta la tensione fra Azerbaigian e Armenia, nel conflitto che vede opporsi le due repubbliche post-sovietiche per il controllo del Nagorno-Karabakh.diventare costruttori di pace: non notai dello status quo, ma promotori attivi di una cultura dell’incontro e della riconciliazione“. “Dio benedica il vostro avvenire – ha aggiunto – e conceda che si riprenda il cammino di riconciliazione tra il popolo armeno e quello turco, e la pace sorga anche nel Nagorno Karabakh“.

Parole che hanno fatto infuriare la Turchia che ha richiamato il proprio ambasciatore in Vaticano. “Siamo profondamente dispiaciuti e delusi dalle parole del Papa” avrebbe detto il governo turco al proprio diplomatico. Fonti diplomatiche turche hanno precisato che Ankara ha espresso al Vaticanoprofondo rincrescimento e disappunto” per le dichiarazioni di Papa Francesco. “Le dichiarazioni del Papa, che sono lontane dai fatti storici e giudiziari, non sono accettabili“, ha aggiunto su Twitter il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, “Gli uffici religiosi non sono luoghi in cui incitare odio e vendetta con accuse infondate“.

RED

(foto: ANSA)

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator







  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!