Open del Canada: a Toronto Medvedev supera Opelka in due set e conquista il National Bank Open - Russia News / Новости России

Tennis

Pubblicato il Agosto 16th, 2021 | Da Redazione Russia News

0

Open del Canada: a Toronto Medvedev supera Opelka in due set e conquista il National Bank Open

Toronto – Due anni fa, si giocava a Montreal, la spettacolare corsa di Daniil Medvedev (alla prima finale in carriera in un torneo di categoria mille) fu stoppata in finale dalla classe e dall’esperienza di Rafael Nadal che, di lì a qualche settimana, avrebbe negato al russo anche la gioia del primo slam della carriera vincendo il quinto e decisivo set nella finale degli US Open. Eppure, fu proprio in quell’estate del 2019 che l’allora ventitreenne moscovita (anche grazie al prestigioso successo del Western & Southern Open di Cincinnati) s’impose sulla scena tennistica mondiale come uno dei talenti emergenti più importanti e rispettati del circuito. Due anni dopo, Daniil Medvedev si è presentato all’Open del Canada (ex Rogers Cup, oggi National Bank Open) da numero due del mondo e numero uno del tabellone. Entrato in gara direttamente dal secondo turno (in quanto testa di serie), Daniil ha dovuto fare subito i conti con l’estro di Alexander Bublik (nato in Russia ma con passaporto kazako), superato in tre set (4-6, 6-3, 6-4). Dopo l’agevole vittoria agli ottavi contro l’australiano James Duckworth (6-2, 6-4), Medvedev ha rimontato (2-6, 7-6, 7-6) ai quarti di finale il polacco Hubert Hurkacz (vincitore quest’anno a Miami), prima di travolgere in semifinale l’esperto tennista statunitense John Isner: 6-2, 6-2 in appena 56 minuti di partita. Ad attenderlo all’ultimo atto Reilly Opelka (semifinalista quest’anno a Roma), capace di ribaltare il pronostico della vigilia rimontando (6-7, 7-6, 6-4) in semifinale la testa di serie numero due del torneo Stefanos Tsitsipas.

Primo set. Finale numero 19 in carriera (la quinta in un Master 1000) per Medvedev, la numero 3 (la prima in un mille) in singolare per il numero 32 al mondo Opelka (sempre vittorioso nelle uniche due fin qui giocate). Nei quattro precedenti tra i due giocatori tre successi per il russo, uno per l’americano. Si parte con il tennista del Michigan (24 anni il prossimo 28 agosto) al servizio che tiene agevolmente la battuta, imitato subito dopo dal moscovita che pareggia i conti con un ace esterno (1 a 1). Nel quarto gioco due doppi falli consecutivi di Medvedev regalano tre palle break consecutive ad Opelka (0-40). Il russo, però, ritrova la prima di servizio, aggancia l’americano gestendo con lucidità gli scambi ed ottiene il game con due ottime battute (2 a 2). Poi, scampato il pericolo, cambia marcia. La volée di Opelka non contiene la risposta di Medvedev (30-40); seconda di servizio ed altra gran risposta di rovescio in lungo linea che vale il break (3 a 2 per il russo). Un ace al centro chiude il sesto game: Medvedev conferma il vantaggio e s’invola sul 4 a 2. Un gran passante del russo vale due nuove palle break consecutive: Opelka con coraggio si salva con altrettante discese a rete e tiene la battuta (3-4). L’americano non riesce però poi ad impensierire il russo in risposta. Nel decimo game Medvedev si presenta quindi al servizio per chiudere il set e non fallisce: 6 giochi a 4 in 38 minuti.

Secondo set. Copione che non cambia nel secondo parziale, con Medvedev che lavora ai fianchi l’avversario costringendolo a lunghi ed estenuanti scambi. Primo game subito ai vantaggi: un gran passante di dritto in lungo linea regala palla break al russo in apertura; Opelka si salva con un’ottima prima e, seppur a fatica, tiene la battuta. Dopo aver vinto rapidamente il game al servizio, Medvedev si procura una nuova palla break nel terzo game grazie ad un passante di rovescio che la volée di Opelka non riesce a difendere (30-40): sotto pressione, l’americano commette un fatale doppio fallo. Avanti di un set e di un break, il russo tiene la battuta a zero e si porta sul 3 ad 1. Quasi inaspettatamente l’americano, complice un doppio fallo del moscovita, si procura una palla break nel sesto game (30-40): sbaglia però la palla corta e Medvedev, grazie ad una variazione di rovescio in lungo linea, mantiene il vantaggio (4 a 2). Gran risposta di Daniil e palla break anche nel settimo game: Opelka si salva con un ace e prova a restare aggrappato alla partita. Il russo tiene però la battuta a zero garantendosi quanto meno la possibilità di servire per il titolo (5 a 3). Medvedev continua però a macinare gioco e decide di porre fine alle ostilità già nel turno di battuta del tennista americano: conquista il match point grazie ad un passante di rovescio in avanzamento e trova poi l’ennesima grande risposta (ancora con il rovescio) che Opelka non riesce a difendere. Finisce 6-4, 6-3 in 1 ora e 25 minuti di partita.

Con il trionfo di Toronto (l’ultimo russo a riuscire nell’impresa era stato Marat Safin nel 2000), Daniil Medvedev mette in bacheca il dodicesimo titolo, il terzo stagionale (dopo Marsiglia e Mallorca), il quarto di categoria Master 1000 in carriera. Il venticinquenne moscovita si candida così ad essere la prima e più accreditata alternativa a Novak Djokovic in vista dei prossimi US Open (in programma a New York dal 30 agosto al 12 settembre), dove il fuoriclasse serbo cercherà di conquistare anche il quarto Major stagionale completando così il Grande Slam.

Stefano Tardi

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator






  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!