Tennis

Pubblicato il Marzo 14th, 2021 | Da Redazione Russia News

0

Open 13 Provence: Daniil Medvedev supera il francese Herbert e trionfa a Marsiglia

Marsiglia – È la Provenza, ma è praticamente come se fosse una seconda casa. Perchè Daniil Medvedev, nato a Mosca l’11 febbraio del 1996 e residente a Montecarlo, si allena ormai da anni in Francia (Paese di cui parla perfettamente la lingua) all’Elite Tennis Center, nei pressi della celebre località di Cannes, dove è nato il suo coach, il 40enne Gilles Cervara. Per questo il russo, reduce da un finale di 2020 da protagonista assoluto con i trionfi al Rolex Masters di Parigi-Bercy ed alle Nitto ATP Finals di Londra, nonchè da uno strepitoso inizio di stagione in cui, assieme al connazionale Andrey Rublev, ha trascinato la Russia al successo in ATP Cup per poi raggiungere la finale del primo major dell’anno (Australian Open), ci teneva particolarmente a ben figurare a Marsiglia. Arrivato in Francia da numero 3 del mondo e da testa di serie numero 1 del tabellone, Daniil ha raggiunto la finale dell’Open 13 Provence senza perdere un solo set: con un doppio 6-2, 6-4 ha superato agli ottavi di finale il bielorusso Egor Gerasimov e successivamente il talento italiano di Jannick Sinner ai quarti, prima della semifinale, interrotta sul punteggio di 6-4, 3-0 in suo favore, quando un infortunio ha costretto al ritiro l’australiano Matthew Ebden. Ultimo ostacolo sul suo cammino il francese Pierre-Hugues Herbert (eccellente doppista con 19 successi in carriera, di cui 4 slam), approdato alla sua quarta finale in singolare nel circuito ATP ed alla ricerca del primo titolo dopo aver eliminato Kei Nishikori (6-1, 6-4) e Cameron Norrie (6-3, 6-4), rimontato il detentore delle ultime due edizioni (2019, 2020) del torneo Stefanos Tsitsipas (6-7, 6-4, 6-2) ed aver vinto il derby in semifinale con il connazionale Ugo Humbert (6-3, 6-2).

Primo set. Dominio dei servizi nei primi quattro game, con appena tre punti lasciati complessivamente in risposta. Poi, improvisamente, nel quinto gioco il francese cala il rendimento in battuta: apre con un doppio fallo e con un errore di dritto (0-40) regala tre palle break consecutive al russo. Salva la prima con un servizio esterno, poi cerca il serve and volley ma sbaglia la volée. Herbert ha però il merito di reagire subito, guadagnandosi due opportunità (15-40) consecutive per il contro break. Aggressivo in risposta, al secondo tentativo costringe Medvedev all’errore di rovescio: 3 a 3. Nel settimo game, due ottime risposte portano Medvedev a nuova palla break (30-40): il francese sbaglia la prima di servizio ma si salva con un’efficace seconda. Ai vantaggi, però, Daniil si costruisce un’altra opportunità che stavolta concretizza con un passante di dritto incrociato. Altro break che stavolta il russo conferma tenendo la battuta nel game successivo, involandosi sul 5 a 3 e garantendosi quindi la possibilità di servire per il set. Appuntamento che Medvedev non fallisce chiudendo il set con uno splendido vincente di rovescio: 6 a 4 in 38 minuti.

Secondo set. Secondo parziale che si apre con un gran passante di dritto del russo, seguito da un’eccellente risposta vincente di rovescio (0-30). Momento delicato per Herbert che risale, ai vantaggi concede una palla break dopo un doppio fallo (che Medvedev spreca spedendo in corridoio il dritto dopo aver dominato lo scambio) e riesce, seppur con fatica, a tenere la battuta. Il pericolo scampato regala nuova linfa al francese, che con il serve and volley cerca di evitare di scambiare troppo da fondo con il russo e cresce in fiducia. Nel quarto game Herbert si conquista la prima palla break del parziale, annullata però da Daniil con la prima di servizio. Il transalpino si guadagna una seconda opportunità venendosi a prendere il punto a rete, ma sbaglia il dritto al termine del durissimo, successivo scambio. La terza palla break per Herbert arriva nel sesto gioco, ma spreca l’occasione sparando il dritto in rete. Medvedev non perdona ed infila due ace consecutivi: 3 a 3. Senza più opportunità di strappare il servizio si viaggia spediti verso il tie break. Herbert va sotto 4 a 2, vede il baratro ma non si scompone: reagisce, infila cinque punti consecutivi (7-4) e pareggia i conti: 7 a 6 in 63 minuti.

Terzo set. Parziale decisivo che si apre con Medvedev al servizio ed i primi 9 giochi che scorrono via velocissimi: la ritrovata efficacia ed incisività dei rispettivi servizi concede appena sette punti in risposta. Quando tutto farebbe pensare ad un altro tie break, ecco che nel decimo game arriva la svolta: sul 5 a 4 in favore del russo, Herbert si appresta a servire per restare in partita. Il francese, sotto pressione, non controlla a rete un passante di Medvedev (15-30) e subisce poi la risposta del russo: 15-40 e due match point consecutivi per il moscovita. Un’altra ottima risposta di Daniil mette in crisi il francese che si arrende 6-4, 6-7, 6-4 dopo 2 ore e 12 minuti di vera e propria battaglia sportiva.

Medvedev, arrivato al decimo titolo in carriera, diventa così il terzo russo a trionfare a Marsiglia, dopo i successi di Yevgeny Kafelnikov nel 2001 (7-6, 6-2 al francese Sébastien Grosjean) e di Karen Khachanov nel 2018 (7-5, 3-6, 7-5 al francese Lucas Pouille). Un trionfo che vale anche il nuovo best ranking: ora è il numero 2 del mondo. Davanti a lui, per ora, c’è solo Novak Djokovic.

Stefano Tardi

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator





  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!