Russia News / Новости России

OMS verso la chiusura dell’ufficio di Mosca

Tedros Adhanom Ghebreyesus, Minister for Foreign Affairs of Ethiopia, addresses High-level meeting of the General Assembly on the Realization of the Millennium Development Goals and Other Internationally Agreed Development Goals for Persons with Disabilities - Round Table 2 "The post-2015 development agenda and inclusive development for persons with disabilities"

World Health Organization (WHO) Director-General Tedros Adhanom Ghebreyesus

Come fosse la terra promessa, in questi giorni stiamo assistendo a un vero e proprio pellegrinaggio di politicanti a Kiev, tutti in adorazione del novello Gesù bambino, Volodimir Zelensky, che però col bambinello del presepe ha in comune solamente l’altezza. Ultimo della lista, il Direttore Generale dell’OMS, il biologo etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus, i cui precedenti politici nel suo paese lo vedono assai ben integrato in un regime dittatoriale. L’ex ministro della Sanità e poi degli Esteri dell’Etiopia, sarebbe addirittura stato denunciato presso la Corte Penale Internazionale dell’Aja per genocidio e crimini di guerra, avvenuti dal 2012 al 2016 nei confronti del gruppo etnico degli Amhara.

Il ruolo che attualmente ricopre, gli assicura l’immunità diplomatica, ma sarebbe interessante capire perché un personaggio così poco raccomandabile sia stato sponsorizzato per ricoprire l’importante carica di capo della salute globale. Vi do un indizio: Mr. Ghebreyesus prima di diventare Direttore dell’OMS è stato nel consiglio di amministrazione di due organizzazioni, la GAVI (Global Alliance for Vaccines and Immunization) e il Global Fund, entrambe sovvenzionate, guarda caso, dalla Fondazione Gates. Ad oggi, la società che fa capo a Gates è il principale finanziatore anche della stessa OMS, sulla quale ha evidentemente una enorme influenza, tanto che possiamo tranquillamente affermare che ogni cosa Bill chieda, quasi sicuramente Bill ottiene. Più che il sapere della scienza, forse in questo caso vale il potere dei soldi.

Probabilmente Ghebreyesus ha voluto incontrare il dittatore ucraino perché sente una forte affinità con chi come lui ha scarsa, se non nulla, considerazione per i cittadini e per il fatto di avere sulla coscienza un bel numero di morti e la devastazione del proprio paese. Nel frattempo, il ramo europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha partorito una risoluzione per estromettere la Russia dal circuito; provvedimento che potrebbe portare alla chiusura dell’ufficio OMS di Mosca e alla sospensione degli incontri sul territorio della Federazione Russa.

Non stupisce che tale risoluzione sia stata promossa congiuntamente da Kiev e dalla UE, che la definiscono “un importante passo politico per isolare Mosca“, ed è stata approvata nel corso di una sessione straordinaria dell’OMS Europa con 43 voti favorevoli, tre contrari (Russia, Bielorussia e Tagikistan) e due astenuti. E questa sarebbe una punizione? Io la chiamerei piuttosto una gran botta di culo e mi auguro che arrivi presto anche per noi italiani! Visti gli ingenti danni e i tantissimi morti causati dalla gestione criminale dell’emergenza sanitaria tutt’ora in corso e di altre crisi precedenti, a cui si aggiunge il poco limpido giro di affari pro Big Pharma, direi che il fatto di essere esclusi dal gruppo e potersi gestire autonomamente sia davvero un ottimo risultato per il Governo di Mosca.

Eva Bergamo

CLICCA MI PIACE:
Exit mobile version