Esteri

Pubblicato il ottobre 16th, 2014 | Da admin

0

NELLA PRIMA GIORNATA DEL VERTICE ASEM A MILANO FA NOTIZIA LA DISORGANIZZAZIONE

Milano – In una Milano letteralmente blindata da un ingente spiegamento di forze dell’ordine, che ha di fatto isolato un’intera zona, si è svolta la prima giornata dell’attesissimo vertice eurasiatico. Due continenti, Europa ed Asia (che daasem ingresso soli valgono oltre il 60% del PIL mondiale), si confrontano su delicati temi carattere strategico ed economico, in una due giorni molto intensa ed impegnativa.
Le oltre 50 le delegazioni presenti, fra capi di stato e di governo, dei più importanti paesi di questa imponente area del nostro pianeta, si sono date appuntamento nella zona fieristica del capoluogo meneghino.
Un caldo sole ha accompagnato l’arrivo ad ora di pranzo delle delegazioni che sono giunte, come previsto, alla spicciolata: prima Angela Merkel, poi fra gli altri i presidenti della commissione UE Jose’ Manuel Barroso e del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, il premier spagnolo Mariano Rajoy, il premier cinese Li Keqiang, il primo ministro dell’Ungheria Viktor Orban ed il presidente francese Francoise Hollande. Solo nel tardo pomeriggio è arrivato il più atteso di tutti, ovvero il Presidente della Federazione Russa, Renzi Merkel BarrosoVladimir Putin che nelle ore precedenti era stato in Serbia, in visita ufficiale. In serata il ricevimento a Palazzo Reale, con la cena offerta alle delegazioni presenti, dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
A fare gli onori di casa, con relative passerelle che hanno fatto la gioia dei tantissimi cameraman e fotografi assiepati, il premier italiano Matteo Renzi in qualità di presidente di turno del Consiglio dell’Unione Europea. Il grande dilemma riguardante la normalizzazione degli attuali rapporti fra Russia ed Europa, a causa dell’irrisolta questione Ucraina, è stato l’argomento che, come ampiamente prevedibile, ha monopolizzato l’attenzione di tutti, addetti ai lavori e non.
Parlando con i tanti giornalisti russi accreditati all’evento, tutti auspicano la fine delle assurde sanzioni e delle posizioni intraprese dall’Unione Europea nei confronti della Russia. Colpevole di non volersi piegare ai diktat provenienti da oltreoceano che – ricordiamolo – di fatto hanno legittimato l’avvento di un governo filonazista in Ucraina.
L’Italia sta facendo un grandissimo errore – ha affermato senza mezzi termini Ella Baklanova, reporter di Expert Siberiae speriamo fortemente che il vostro paese si ravveda diMilano, la protesta delle Femen in piazza Duomo ciò che sta facendo. E’ una follia interrompere i rapporti economici solo per accontentare gli USA ed OBAMA, che abbiamo capito vuole la terza guerra mondiale a tutti i costi. Amiamo moltissimo l’Italia, e ci dispiace che il vostro premier Renzi abbia assunto una tale decisione!”. Più prudenti invece le posizioni dei colleghi delle televisioni di stato russe, che pur non volendosi sbilanciare, erano concordi però nel ritenere “esagerata” l’intransigenza europea.
Tornando ai temi sviluppati durante le prime due odierne sessioni del vertice, nonostante che le informazioni siano trapelate con il contagocce, è apparsa interessante la volontà di Italia e Cina di fare fronte comune, per combattere il fenomeno della contraffazione. In un incontro tenutosi in mattinata al Politecnico, i leader Renzi e Keqiang erano concordi nel ritenere indispensabile combattere questo problema, dal momento che la contraffazione spesso e volentieri in passato ha creato non pochi grattacapi ed imbarazzi nelle relazioni fra Pechino e l’Europa.
Renzi e LiNormale routine, tutto sommato, se pensiamo al reciproco scambio di convenevoli che però non nasconde ciò che in realtà ha fatto veramente notizia nella prima giornata del vertice. Ovvero, l’incredibile e sconcertante disorganizzazione che ha reso oltremodo difficoltosa la possibilità di coprire validamente ed in tempo reale, le varie fasi del meeting. Un problema che ha scatenato le lamentele e le rimostranze dei tantissimi colleghi accreditati, molti dei quali provenienti da paesi lontanissimi. E che di certo non ha fatto fare una bella figura a chi ha organizzato un evento così importante e prestigioso.
Basti infatti pensare che disdicevoli disguidi di natura tecnica ad esempio hanno impedito per buona parte del pomeriggio, la fruizione in tempo reale di un servizio audio-video decente per tutti i giornalisti appartenenti alla carta stampata ed alle testate online presenti, costretti a scendere due piani sotto terra. Cosa che ha reso praticamente irraggiungibili i cellulari, e dunque impossibile effettuare le conversazioni telefoniche.
Impossibile disporre inoltre (almeno inizialmente), della connessione wifi e sopratutto di un servizio di traduzione simultanea che abbia permesso di seguire i tanti interventi che si Prayut Chan-o-cha, Primo ministro thailandese (Afp)sono succeduti durante le due sessioni plenarie, svoltesi nel pomeriggio praticamente nella massima segretezza.
E’ una cosa disgustosa – notava, scuotendo amaramente la testa, Mamunur Rashid, collega dell’Asian Telecast Limitated del Bangladeshperché ci troviamo in un ambiente chiuso, con scarsa o pressoché nulla connessione ad Internet, e non riusciamo ad intuire nemmeno lontanamente il contenuto delle dichiarazioni. E’ un servizio a dir poco di pessima qualità. Non è possibile lavorare in queste condizioni!“.
Andava invece giù ancora più duro il collega Roberto Ferranti, operatore televisivo della stampa estera, che sbottava, evidenziando “l’assurdità di lavorare senza avere lo straccio di una notizia. A distanza di ore dalla fine del summit non abbiamo avuto nemmeno un comunicato stampa! A che serve dispiegare 3.000 e passa fra poliziotti e carabinieri, se poi i giornalisti e gli operatori dell’informazione non hanno la possibilità di lavorare decentemente? Devo mandare il pezzo all’estero ed ho dovuto aspettare ore ed ore, prima di poterlo fare. E’ normale tutto questo?“.
Vladimir PutinInterrogativo che giriamo volentieri ai diretti interessati e sul quale preferiamo stendere un velo pietoso, visto che ci siamo limitati a pubblicare solo una piccola parte delle tante voci di sdegno che si sono levate, da parte di chi lavora per garantire opportuna copertura mediatica ad un evento così importante. Un vero peccato, perché il compito di chi è preposto a fornire un’informazione di qualità e’ stato enormemente inficiato, da chi avrebbe dovuto metterci in condizione di operare al meglio. Ed invece, così non è stato.
Tornando ad argomenti più seri, domani intanto il vertice entra nel vivo, con gli incontri bilaterali di natura riservata fra i paesi europei ed asiatici, e che avranno ad oggetto temi come la sicurezza marittima, la pirateria, la criminalità transnazionale, oltre che le questioni regionali ed internazionali.
Al termine dei lavori, che si protrarranno per tutta la mattinata, il presidente del vertice Matteo Renzi diramerà un comunicato stampa con cui saranno rese pubbliche una lista delle iniziative intraprese dall’ASEM e la relativa agenda dei lavori per il biennio 2014-2016.
Ma i riflettori saranno inevitabilmente puntati sull’incontro che si terrà ancor prima in Prefettura fra il leader ucraino Poroshenko ed il presidente russo Putin, alla presenza della Merkel, di Hollande, di Renzi e di Cameron. Sarà quello il vero momento clou della giornata, oltre che dell’intera manifestazione.

Francesco Montanino

Advertisements
CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator







  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!