Eventi

Pubblicato il Dicembre 18th, 2021 | Da Redazione Russia News

1

Letture di Ginevra 2021

Il 6 -7 dicembre 2021 presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra si sono svolte le prime “Letture di Ginevra” dedicate all’attuazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs) rappresentano un “progetto per un futuro migliore e più sostenibile per tutti”, costituito da 17 interconnessi obiettivi di sviluppo da raggiungere in ambito ambientale, economico, sociale e istituzionale entro il 2030. Per massimizzare l’adattamento delle principali priorità degli Obiettivi di sviluppo sostenibile alle realtà e alle prospettive di sviluppo dei diversi paesi, nonché per comprendere il ruolo delle grandi strutture aziendali in questo processo, è necessario uno scambio internazionale di opinioni ed esperienze. Le Letture di Ginevra, organizzate dalla Missione Permanente della Federazione Russa presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, dall’Unione Internazionale delle Organizzazioni Non Governative “Assemblea dei Popoli Eurasiatici”, dalla United Nations Association of Russia e dalla Fondazione “Cultural Seasons”, rappresentano un’opportunità perfetta per tale approfondimento.

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono inclusi nella politica interna della Russia: attualmente i progetti nazionali della Federazione Russa sono formulati tenendo conto degli obiettivi di sviluppo nazionale della Federazione Russa fino al 2030, approvati con decreto del Presidente della Federazione Russa di 21 luglio 2020.

Nell’ambito delle Letture di Ginevra del 6 dicembre 2012, il governatore della regione di Samara Dmitry Azarov ha parlato alle Nazioni Unite dei risultati della Russia sull’esempio della sua regione, presentando la Settima edizione del rapporto dell’Associazione russa United Nations Association of Russia “Regioni Russe e Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite”. L’evento si è svolto nel formato di una videoconferenza tra il governo della regione di Samara e l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra. Inaugurando la presentazione, il Direttore Generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra Tatiana Valovaya ha detto: “Sono contenta di dare il benvenuto a tutti a questo incontro con la Regione di Samara, una delle regioni russe molto importante, interessante e con lo sviluppo molto dinamico – e per discutere insieme come gli obiettivi di sviluppo sostenibile vengono attuati a livello regionale. Questo è molto stimolante per noi, poiché comprendiamo tutti che l’Agenda – Gli obiettivi di sviluppo sostenibile – non può essere attuata solo a un livello, ad esempio a livello degli Stati nazionali. Va attuata a tutti i livelli: a livello di regioni, città, piccoli paesini ed anche al livello di ogni persona, perché solo lavorando insieme possiamo attuare l’Agenda 2030”.

Il governatore Dmitry Azarov ha sottolineato che “la regione di Samara è una regione chiave della Russia con un eccezionale potenziale umano, naturale, di risorse, economico e innovativo“. Ha detto che “in 435 anni, la regione di Samara è passata da una piccola fortezza alla capitale russa dello spazio… Nella regione di Samara sono in vigore assolutamente tutti i regimi preferenziali per il business previsti dalla legislazione russa: dagli incentivi fiscali alla zona doganale franca. Nella regione operano 1.424 joint venture con la partecipazione di capitale estero da 76 Paesi. La regione di Samara è membro di un progetto infrastrutturale transnazionale, il corridoio di trasporto internazionale “Europa-Cina occidentale”, progettato per rafforzare i legami economici e umanitari tra Europa e Asia. Per realizzare il progetto sul territorio della regione di Samara è in costruzione un nuovo ponte che attraversa il Volga e 100 km di una nuova autostrada». Il Governatore ha notate che questo progetto, già attuato nei tempi previsti del 40%, si basa sui principi del partenariato pubblico-privato ed è una delle migliori pratiche mondiali in questo settore, rilevata dalla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite, che ha sviluppato un nuovo standard per i partenariati pubblico-privati, tenendo conto degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Inoltre, nella sua relazione, il governatore ha parlato delle questioni ambientali, del sostegno sociale ai cittadini, dello sviluppo dell’agricoltura, dello sport, del turismo e della lotta alla pandemia.

Negli ultimi quattro anni, la regione di Samara è stata una delle cinque regioni con i più alti indicatori per lo sviluppo di partenariati pubblico-privato. L’anno scorso, secondo questo indicatore, la regione è stata riconosciuta come leader assoluto del Paese. “Siamo pronti a sviluppare nuove pratiche e copiarle, perché oggi molte persone si rivolgono davvero a noi per questa esperienza. Siamo felici di condividere i nostri successi ed imparare qualcosa di utile. Spero che sia importante per altre regioni della Federazione Russa, con le quali siamo in costante interazione su questo argomento“, – ha detto il Governatore, esprimendo il sincero interesse di cooperare in questo settore. Dopo la presentazione, nell’edificio dell’ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra ha avuto luogo l’inaugurazione di una mostra fotografica dedicata alla regione di Samara. Le fotografie rappresentano la natura e la storia della regione e naturalmente, il fiume Volga, simbolo della regione, il fiume più grande d’Europa e uno dei più grandi della Terra. Gli abitanti di Samara sono anche molto orgogliosi della loro industria spaziale, proprio in questa regione sono stati realizzati i motori del veicolo di lancio R-7, che ha portato nello spazio la navicella spaziale Vostok-1 con Yuri Gagarin.

Attualmente, la regione di Samara sta lavorando attivamente per includere due oggetti – il bunker di Stalin e la “Nuova linea Zakamskaya” di Zemlyanoy Val – nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Il 7 dicembre 2021 Tatiana Valovaya, direttore generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra ha salutato i partecipanti alla tavola rotonda “Letture di Ginevra. Obiettivi di sviluppo sostenibile: la realizzazione dell’Agenda 2030 nella nuova realtà. L’esperienza delle regioni russe e le opportunità commerciali”. Ha sottolineato che questo evento dovrebbe diventare “la base di una nuova communità di esperti per la cooperazione multilaterale nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile” e ha espresso il desiderio che le Letture di Ginevra si tengano ogni anno.

Gennady Gatilov, Rappresentante Permanente della Russia presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, ha notato nel suo discorso che i temi discussi durante la prima edizione delle “Letture di Ginevra” sono importanti e rilevanti per accelerare lo sviluppo sociale. Il segretario generale dell’Assemblea dei popoli Eurasiatici Andrei Belyaninov ha ringraziato per la proficua collaborazione gli organizzatori e i moderatori della conferenza Mario Apostolov, consigliere regionale della Commissione economica europea delle Nazioni Unite e Elmira Shcherbakova, membro del Consiglio generale, presidente del Consiglio per la cooperazione culturale internazionale dell’Assemblea dei Popoli Eurasiatici, rappresentante della Fondazione “Cultural Seasons”.

image description

I partecipanti della conferenza hanno discusso dell’esperienza della Russia e di altri paesi della CSI nell’applicazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile nei programmi locali. Hanno fatto i discorsi e presentazioni Artem Kiryanov, Vicepresidente della Duma di Stato della Federazione Russa, Vicepresidente del Comitato della Duma di Stato per la politica economica, Natalya Stapran, Direttore del Dipartimento della cooperazione economica multilaterale e dei progetti speciali del Ministero dello sviluppo economico della Russia, Lyudmila Berg, viceministro delle relazioni economiche internazionali ed estere della regione di Sverdlovsk, Dmitry Bogdanov, ministro dello sviluppo economico e degli investimenti della regione di Samara, Taliya Minullina, membro del governo della Repubblica del Tatarstan, capo dell’Agenzia per lo sviluppo degli investimenti della Repubblica del Tatarstan, Alexey Bondaruk, vice capo del dipartimento delle relazioni economiche e internazionali estere del Governo della città di Mosca, Svetlana Smirnova, prima vice del Segretario generale, capa del Segretariato generale dell’Assemblea dei popoli eurasiatici, Presidente del Consiglio dell’Assemblea dei Popoli della Russia, membro del Consiglio del Presidente della Federazione Russa per le relazioni interetniche, Alexei Borisov, Primo Vice Presidente dell’Associazione Russa “United Nations Association of Russia”,

il Vicepresidente di la Federazione mondiale delle associazioni delle Nazioni Unite, Aigul Solovieva, presidente del consiglio di amministrazione dell’Associazione delle organizzazioni ambientali del Kazakistan, Alexandra Akkirman, responsabile del interazione con il governo e delle pubbliche relazioni della Coca-Cola Company in Kazakistan e Kirghizistan, Vladimir Torin, direttore delle comunicazioni del gruppo EuroChim, Elena Feoktistova, amministratore delegato per la responsabilità aziendale, lo sviluppo sostenibile e l’imprenditoria sociale dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori, Elena Topoleva-Soldunova, direttore dell’organizzazione non commerciale “Agenzia per l’informazione sociale”, Vladimir Kuznetsov, direttore del Centro d’Informazione delle Nazioni Unite, Marina Vashukova, Direttore Esecutivo dell’Associazione “Rete Nazionale dell’Accordo Globale” (la Rete UN Global Compact in Russia), Irina Zhukova, Direttore di sviluppo sostenibile e programmi aziendali delle società affiliate di Philip Morris International, Zubair Omarov, assistente del direttore generale di Kizlyar Brandy Factory.

Sono stati presentati all’attenzione della comunità di esperti esempi di implementazione di programmi e attività aziendali nel campo dello sviluppo sostenibile di grandi aziende internazionali. I partecipanti delle Letture di Ginevra hanno discusso della pratica del volontariato, dei varie partnership positivi tra imprese, governo e settore non-profit finalizzate all’uso ottimale delle risorse e delle tecnologie rispettose dell’ambiente e alla conservazione dell’integrità dei sistemi naturali, la stabilità della vita sociale e culturale.

Al termine delle Letture di Ginevra è stato letto un documento finale, che sottolinea la necessità di ampliare la cooperazione internazionale nell’attuale difficile situazione mondiale: “La pandemia di COVID-19 ha cambiato radicalmente ogni sfera della vita umana e ha avuto un impatto significativo sul ritmo di raggiungimento della maggior parte degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, rovinando decenni di sforzi per la loro attivazione”.

In questo contesto, i partecipanti alla Conferenza hanno riconosciuto che COVID-19 è un nemico comune e quindi “è di fondamentale importanza non scoraggiarsi e continuare ad attuare l’Agenda 2030 per garantire un’uscita regolare dalla crisi globale causata dalla pandemia … Lo sviluppo di un dialogo costruttivo tra autorità pubbliche, strutture della società civile ed imprese darà il necessario impulso agli sforzi globali per attuare l’Agenda 2030”.

Giulia Ilina, Ginevra

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



One Response to Letture di Ginevra 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator





  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!