Russia News / Новости России

Le sanzioni occidentali alla Russia minano la sicurezza alimentare globale

SAMARKAND, UZBEKISTAN – SEPTEMBER 16, 2022: The 22nd Summit of the SCO Council of Heads of State

Il presidente russo Vladimir Putin ha parlato dell’Occidente, del suo “egoismo economico” e delle sanzioni illegali, sottolineando gli errori sistemici commessi dalle principali economie globali.

La nostra integrazione è di natura non-bloc e offriamo assistenza nella risoluzione dei problemi energetici e alimentari che emergono nel mondo, derivanti da una serie di errori sistemici nelle principali economie globali nell’area della finanza e dell’energia“, ha affermato oggi durante una riunione allargata del vertice SCO (Organizzazione per la cooperazione di Shanghai). “Si spera che anche altri partecipanti alla cooperazione economica costruiscano la loro politica sugli stessi principi e smettano di usare gli strumenti del protezionismo, delle sanzioni illegali e dell’egoismo economico in modo opportunistico“, ha aggiunto il presidente russo.

SAMARKAND, UZBEKISTAN – SEPTEMBER 16, 2022: Turkey’s President Recep Tayyip Erdogan, Kyrgyzstan’s President Sadyr Zhaparov, Kazakhstan’s President Kassym-Jomart Tokayev, India’s Prime Minister Narendra Modi, China’s President Xi Jinping, Uzbekistan’s President Shavkat Mirziyoyev, Russia’s President Vladimir Putin, Tajikistan’s President Emomali Rahmon, Pakistan’s Prime Minister Shehbaz Sharif, Iran’s President Ebrahim Raisi and Belarus’ President Alexander Lukashenko (L-R) pose for a group picture as part of the 22nd Summit of the SCO Council of Heads of State at the Samarkand Tourist Centre. Sergei Bobylev/TASS

Putin ha definito la decisione della Commissione europea di revocare le sanzioni sui fertilizzanti russi come un vivido esempio di tale politica. “Sappiamo quanto siano importanti i fertilizzanti per risolvere il problema alimentare“, ha affermato. “Apprezziamo sicuramente la decisione di rimuovere queste sanzioni in sé, anche se risulta che quelle sanzioni, come spiegato dalla Commissione europea il 10 settembre di quest’anno, sono state rimosse solo per gli Stati membri dell’UE. Si scopre che solo loro possono acquistare i nostri fertilizzanti! Cosa sulle [economie] emergenti? E per i paesi più poveri del mondo?”  ha sottolineato Putin .

Il presidente russo si è rivolto alla Segreteria dell’Onu tramite il sottosegretario generale Rosemary Di Carlo, presente all’incontro, chiedendo di influenzare la decisione della Commissione europea e “non a parole, ma nei fatti per chiedere la revoca di quelle restrizioni discriminatorie nei confronti dei Paesi in via di sviluppo“. Il presidente russo ha aggiunto di aver discusso della questione anche con il capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, al quale ha annunciato che 300.000 tonnellate di fertilizzanti russi si sono accumulate nei porti marittimi dell’UE. “Siamo pronti a distribuirli gratuitamente ai paesi in via di sviluppo“, ha annunciato Putin.

NEW YORK CITY, USA – Russia’s Permanent Representative to the UN Vasily Nebenzya

Da registrare anche le dichiarazioni di giovedi scorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del rappresentante permanente russo, Vasily Nebenzya che ha ribadito: “le sanzioni impediscono alla Russia di contribuire al Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) e all’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO)” .

Sempre parlando davanti al Consiglio, il diplomatico russo ha sottolineato che “le sanzioni occidentali minano la sicurezza alimentare globale“.

A causa di interruzioni nelle transazioni bancarie, la Russia non è stata in grado di versare i suoi contributi volontari al WFP per diversi mesi. Si tratta di circa decine di milioni di dollari, che, tra l’altro, potrebbero essere diretti ad aiutare i paesi a rischio di diffusione carestia“, ha dichiarato Nebenzya. “La situazione con UNIDO è simile, poiché i progetti a sostegno dell’industria alimentare nei paesi bisognosi, inclusa la Siria, vengono interrotti”, ha continuato il diplomatico russo. “La Russia, da parte sua, continua a cercare opportunità per sostenere la sicurezza alimentare globale“.

RED

CLICCA MI PIACE:
Exit mobile version