Commercio

Pubblicato il Dicembre 21st, 2015 | Da admin

0

LE OPPORTUNITA’ DI INVESTIMENTO DELLA REPUBBLICA DEL BASHKORTOSTAN

Milano – Nonostante le evidenti ambiguità sulla questione delle sanzioni economiche mostrate dal governo italiano, negli ultimi giorni, si intensificano gli incontri economici che hanno quale tema la realizzazione di un proficuo business Ufa la capitale della Repubblica Autonoma di Bashkiria - Bashkortostanin Russia.  A chiamare gli imprenditori nostrani, stavolta è la Repubblica del Bashkortostan che si trova in una posizione di ideale ponte fra l’Europa e l’Asia. Sono state presentate stamani alla Camera di Commercio Italo-Russa, le possibilità di investimento in un’area il cui fiore all’occhiello è la città di Ufa, centro tecnologico, culturale e strategico di questa regione che si trova nel cuore dei monti Urali. Collegata fra l’altro da alcune autostrade federali direttamente con la capitale Mosca distante circa 1.350 km., e soprattutto con la leggendaria ed affascinante ferrovia Transiberiana. Presente infine un aeroporto che effettua voli internazionali con Emirati Arabi Uniti, Turchia, Grecia ed Azerbaigian. All’interno Bashkiria_mappadel Bashkortostan sono presenti varie etnie fra cui una folta rappresentanza russa, seguita a ruota da baschiri, tatari, ucraini, tedeschi e finanche azeri.
Un territorio di 144.000 chilometri quadrati, con oltre 4 milioni di abitanti e la presenza di tanti giacimenti petroliferi (e non solo) sparsi qua e la, dalla cui attività di estrazione, lavorazione e raffinazione scaturisce gran parte del PIL regionale, come attesta il dato significativo nella trasformazione primaria del petrolio (circa 27 milioni di tonnellate l’anno) che lo pone nella prima posizione nella produzione della benzina verde e del diesel per l’industria automobilistica. Questo è in sostanza il principale biglietto da visitaBagautdinov Rif - Khayrullin Marat - Zemfira Veleeva all'incontro con gli imprenditori presso la Camera di Commercio Italo-Russa di Milano - photo Evgeny Utkin di questa regione che però intende farsi conoscere anche con altre peculiarità del proprio territorio, sinora ai più sconosciute. Facendo leva ad esempio sul turismo e l’agricoltura che la colloca al quinto posto fra le regioni che maggiormente contribuiscono al fabbisogno dell’intera Federazione Russa, con i suoi 2,3 miliardi di Euro in termini di volume produttivo (fonte: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/impresa/internazionalizzazione/Presentazione_Bashorkostan.pdf). Una meta per gli investimenti molto interessante e con ottime prospettive di crescita, così come attestano i giudizi positivi di importanti società di rating come Moody’s e Gli incontri con i delegati della Repubblica del Basshkortostan presso al Camera di Commercio italo-russa di Milano con a destra Zemfira Veleeva - photo Evgeny UtkinStandard & Poors che hanno attribuito “B” quale punteggio (valutazione ottimistica).
Ha introdotto l’incontro con una breve ma concisa presentazione, Valeeva Zemfira, del Centro Integrato Regionale della Repubblica del Bashkortostan che ha illustrato quali sono gli ambiti di attività cui si rivolge questa regione. “Siamo interessati a far venire sul nostro territorio – affermava – le imprese italiane. Le proposte di cooperazione riguardano fra gli altri i settori del turismo, compreso quello congressuale e d’affari, tessile, impianti sportivi di risalita, produzione di materiali per l’edilizia e la tecnologia, prodotti farmaceutici e soprattutto arredamento”.
Sono poi state snocciolate cifre abbastanza interessanti che hanno evidenziato i rapporti commerciali esistenti con 106 paesi, fra cui l’Italia che è uno dei partner privilegiati insieme fra Vladimir Putin con il Presidente della Repubblica del Bashkortostan Rustem Khamitovgli altri a Francia, Olanda, Bielorussia, Estonia ed Ungheria. In particolare sui prodotti petroliferi, i veicoli, prodotti per l’agricoltura, legno, vetro sono risultati essere nel 2014 i beni maggiormente importate dal nostro paese (che si posiziona al quinto posto), così come attesta la quota del 12% in termini di scambi economici e la presenza di 8 imprese italiane in questo territorio. Per rendersi particolarmente appetibile, il Bashkortostan sta pensando di introdurre un pacchetto di misure che prevedono agevolazioni fiscali per le imprese straniere, unite allo snellimento delle procedure burocratiche. Terminata la breve presentazione, gli incontri one-to-one fra gli imprenditori accorsi e la delegazione baschira hanno sugellato la stipula di alcuni importanti accordi economici.

F.M.

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in Alto ↑
  • Translator





  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine




  • Выбранный для вас!