Russia News / Новости России

Le autorità elvetiche sanciscono che il ripristino del monumento di Suvrov vandalizzato in Svizzera tocca alla Russia

Le autorità svizzere chiariscono che chi deve occuparsi di togliere la vernice blu e gialla con cui è stato vandalizzato il memoriale di Suvorov nelle gole della Schöllenen è la Russia. La comunità russa in Svizzera ha organizzato un gruppo di volontari per ripulire il monumento dedicato al generale Suvrov.

Dopo esser stato imbrattato con vernice bicolore a metà maggio, il monumento di Suvorov nelle gole della Schöllenen è rimasto coperto di macchie giallo-blu. Il Governo di Uri ha chiarito martedi che lo Stato russo è responsabile della rimozione dei colori della bandiera ucraina.

La Federazione Russa, in quanto proprietaria del monumento, deve commissionare i lavori di pulizia e pagarne le spese, ha riferito l’Esecutivo urano. Il 16 maggio scorso l’ambasciata russa aveva condannato l’imbrattamento del monumento e aveva chiesto un’indagine per indivudare e punire i colpevoli.

Inoltre, la stessa ambasciata russa in Svizzera, aveva chiesto alle autorità svizzere, informazioni sul corso delle indagini sull’attacco compiuto con la vernice nei colori ucraini. Ad oggi, però, “nessuna informazione utile sui colpevoli” è pervenuta, secondo quanto riferiscono le autorità elvetiche.

La comunità russa in Svizzera, si è prontamente organizzata con una squadra di volontari e sono già all’opera per ripulire il monumento. “Abbiamo messo anche fiori e candele alla base del monumento – racconta Giulia Illina, cittadina russa che vive da anni in Svizzera – ma dopo neanche due ore, i soliti ignoti hanno spazzato via tutto e la polizia locale ci ha anche detto che non potevamo fare la denuncia per questi atti vandalici in quanto non proprietari del monumento. Con molta pazienza abbiamo risistemato tutto ancora una volta“.

“Per chi è pulito, tutto intorno è pulito” – antico imballaggio sapone russo

Il memoriale ad Andermatt commemora la spedizione del feldmaresciallo Alexander Suvorov con 21’000 uomini dall’Italia attraversò le Alpi verso nord nel 1799. Si verificò una sanguinosa battaglia con le truppe di Napoleone nelle gole della Schöllenen, dove morirono centinaia di soldati russi.

CLICCA MI PIACE:
Exit mobile version