Esteri

Pubblicato il dicembre 24th, 2016 | Da admin

0

L’ALLEATO INAFFIDABILE

Russia e Turchia più vicine o più lontane, dopo l’attentato di Ankara dove è stato assassinato Andrey Karlov ?

Secondo buona parte della stampa russa, l’uccisione di Andrej Karlov, ambasciatore russo in Turchia, assassinato lunedì sera ad Ankara dal giovane poliziotto Mevlüt Mert Altintas, MOSCOW, RUSSIA - DECEMBER 22, 2016: Russia's President Vladimir Putin (C) pays last respects to Russian Ambassador to Turkey Andrei Karlov during a farewell ceremony at the offices of the Russian Foreign Ministry. Karlov was shot dead in the Turkish capital, Ankara, on December 19, 2016. Alexei Nikolsky/Russian Presidential Press and Information Office/TASS Ðîññèÿ. Ìîñêâà. 22 äåêàáðÿ 2016. Ïðåçèäåíò ÐÔ Âëàäèìèð Ïóòèí (â öåíòðå) íà öåðåìîíèè ïðîùàíèÿ ñ ïîñëîì ÐÔ â Òóðöèè Àíäðååì Êàðëîâûì â çäàíèè ÌÈÄ ÐÔ. Àëåêñåé Íèêîëüñêèé/ïðåññ-ñëóæáà ïðåçèäåíòà ÐÔ/ÒÀÑÑsuggerisce un movente politico inequivocabile, confermato dal proclama in vendetta dell’intervento russo ad Aleppo urlato da Altintas subito dopo l’esecuzione. Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu era in viaggio verso Mosca, dove insieme ai colleghi iraniano e russo doveva lavorare ad una forma di accordo sul dossier siriano. E la tesi al momento prevalente è quella d’un tentativo di minare la “normalizzazione dei rapporti fra Russia e Turchia” e destabilizzare la mediazione diplomatica sulla crisi in Siria.

Advertisements

ambasciatore-russo-ucciso-ankara-da-mevlut-mert-altintasDel resto da parte russa si fanno sentire i malumori verso Ankara. Aleksander Koz, corrispondente militare per la “Komsomolskaya Pravda”, ha rilasciato dichiarazioni critiche verso le mancanze del sistema di sicurezza turco, con accuse neanche tanto velate di connivenza. Dopo aver ucciso l’Ambasciatore Karlov con otto colpi sparati da una semiautomatica Sarsilmaz CM9, per 53 secondi Altintas ha potuto urlare davanti alle telecamere senza l’intervento di alcun operatore della sicurezza. Ciò indica, secondo l’esperto, non solo una falla nella catena di controlli per aver consentito l’ingresso MOSCOW, RUSSIA - DECEMBER 22, 2016: Russia's President Vladimir Putin (R) attends a farewell ceremony for Russian Ambassador to Turkey Andrei Karlov at the offices of the Russian Foreign Ministry. Karlov was shot dead in the Turkish capital, Ankara, on December 19, 2016. Alexander Shcherbak/TASS Ðîññèÿ. Ìîñêâà. 22 äåêàáðÿ 2016. Ïðåçèäåíò ÐÔ Âëàäèìèð Ïóòèí (ñïðàâà) íà öåðåìîíèè ïðîùàíèÿ ñ ïîñëîì ÐÔ â Òóðöèè Àíäðååì Êàðëîâûì â çäàíèè ÌÈÄ ÐÔ. Àëåêñàíäð Ùåðáàê/ÒÀÑÑall’attentatore, ma anche che al momento in cui ha aperto il fuoco la sala stessa non fosse presidiata: una mancanza che sembrerebbe forse intenzionale per consentirgli almeno di esplicitare a voce le ragioni del gesto omicida. D’altronde, nel motivare il suo gesto subito dopo l’omicidio, l’attentatore ha di fatto espresso la medesima posizione che Erdogan ha sostenuto fino al golpe dell’estate scorsa. Fino a quel momento, infatti, la Turchia lavorava contro la Russia per scalzare Assad e chiedeva costantemente che Al-Nusra fosse riconosciuta come un legittimo putin-e-erdogangruppo della resistenza al regime. Soltanto dopo il fallito golpe, complice la crisi con l’occidente, il Sultano si è riavvicinato a Vladimir Putin, trovandosi stretto fra i suoi sostenitori islamisti che vorrebbero proseguire la linea dura contro Damasco e Mosca. Secondo Nikolay Kozhanov, affiliato al Programma Russia-Eurasia di Chatham House, le ipotesi d’una pista “gulenista” da parte di Erdogan sono un tentativo maldestro di rovesciare sempre su Gulen o sui curdi le contraddizioni del fronte islamista interno. In una intervista rilasciata al giornale italiano “Il Foglio”, lo stesso Kozhanov si dice d’accordo con la tesi che l’obiettivo politico dell’attentato è indebolire la ripresa dei rapporti Mosca-Ankara, ma che questa non risulterà formalmente indebolita. “Il Cremlino cercherà di manifestazioni-dopo-labbattimento-del-su-24-russomostrare che non esiste una opposizione islamista ‘moderata’ in Siria, e di sfruttare al massimo la condanna internazionale dell’omicidio per avere carta bianca in Siria, nonché per trovare una lingua comune con l’Europa contro il terrorismo“, sostiene Kozhanov. Con la Turchia, i rapporti dovrebbero non conoscere un peggioramento formale, ma nutrirsi sotterraneamente di un accresciuto grado di diffidenza da parte di Mosca.

russian-foreign-minister-sergey-lavrov-right-and-turkeys-foreign-minister-mevlut-cavusogluSi è trattato di un attentato pianificato, volto a minare i rapporti tra Mosca e Ankara. Ma il gioco non riuscirà“, ha dichiarato ufficialmente il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. “Una provocazione, per far deragliare le relazioni russo-turche e il processo di pace in Siria“, aveva già detto Vladimir Putin subito dopo il gesto omicida e ribadito ieri durante la sua conferenza stampa annuale al Cremlino, ribadendo che Mosca farà di tutto per sviluppare i rapporti con Ankara. Il presidente della Federazione Russa ha inoltre sottolineato l’importanza della cooperazione fra Turchia, Russia e Iran per la soluzione della crisi siriana. La liberazione di Aleppo, russian-president-vladimir-putin-believes-that-russia-should-create-its-own-national-rating-agency-he-said-at-the-annual-news-conference-on-fridaysecondo le parole del presidente, è stata “l’operazione umanitaria più grande della storia, resa possibile grazie alla Russia“.

Appare comunque evidente che l’omicidio di Karlov si è consumato in un clima di tensione che mostra quanto l’ostilità anti-russa sia radicata in Turchia proprio in quelle frange che hanno costituito lo zoccolo duro del consenso dava Erdogan. Meno di una settimana prima dell’assassinio di Karlov, il 13 dicembre, i Consolati Generali di Russia e Iran a Istanbul e la stessa Ambasciata russa di Ankara sono stati quasi presi d’assalto da folle di manifestanti che issavano le bandiere dell’Esercito Libero Siriano e intonavano slogan contro Putin e Assad. Il fatto che in tale clima non si sia provveduto a un rafforzamento delle misure di sicurezza in occasione dell’uscita pubblica mosca-dice-addio-a-karlov-ma-ira-putin-tuttaltro-che-sepoltadell’Ambasciatore russo è eloquente della fragilità del sistema turco e della scarsa fiducia che Mosca gli riserverà.

Insomma tempo fa il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva invitato la Russia a “non giocare con il fuoco“, ci sembra però che con “il fuoco” ora ci stia “giocando” lui e con altissime probabilità di bruciarsi politicamente, soprattutto se non riuscirà a fare chiarezza nelle posizioni internazionali assunte dal suo Paese.

RED

 

Gli interventi su alcune TV italiane del vicedirettore di Eurasia News, Evgeny Utkin, sull’assassinio di Andrej Karlov





 

 

 

 

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator







  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!