Il punto

Pubblicato il marzo 19th, 2021 | Da Redazione Russia News

0

Il Ministero della Salute italiano sottoscrive l’appello dell’Europa al “Nutriscore”: incompetenza o malafede?

Walter Ricciardi, il non-virologo consulente del Ministero della Salute, tifoso sfegatato dei lockdown a lungo termine, conosciuto soprattutto per la smentita dell’OMS verso il suo millantato impiego presso l’Ente stesso, stavolta l’ha fatta veramente fuori dal vasino, spendendosi a favore del “Nutriscore“, il sistema di etichettatura degli alimenti che prevede le colorazioni “a semaforo” proposto dalla Francia e supportato, manco a dirlo, da Bruxelles ma fortemente osteggiato da alcuni paesi, Italia in primis.

Qualche giorno fa, l’igienista più famoso della tivvù, ha ben pensato di siglare, insieme ad alcuni scienziati europei, un appello all’utilizzo del Nutriscore che piace tanto ai mangialumache d’oltralpe, ma di fatto bolla le eccellenze agroalimentari italiane come “cibi nocivi per la salute”, creando forti danni economici, oltre che d’immagine, e mettendo in pericolo le esportazioni dei prodotti tipici del belpaese.

Advertisements

Ciò che non è chiaro è se il tapino abbia effettivamente capito ciò che andava a firmare, e sarebbe molto grave, o se invece ne fosse stato all’oscuro, credendo magari di rilasciare un semplice autografo a qualche suo (improbabile) fan; e ciò sarebbe ancora peggio, visto il ruolo che occupa.

Il sistema informativo ideato dall’Università di Parigi avrebbe (ma non ha) lo scopo di tutelare il consumatore, aiutandolo a scegliere alimenti più salutari tramite bollini colorati stampati sulla confezione di ogni prodotto. In pratica l’etichetta a semaforo indica i singoli valori nutrizionali per 100 g di alimento, con una scala di cinque colori che vanno dal rosso al verde e a cui corrispondono le prime cinque lettere dell’alfabeto, in cui la A di colore verde scuro è la scelta migliore e la E rossa la peggiore, passando per la B, C e D.

Le associazioni di categoria sono insorte contro la “bravata” di Ricciardi, chiedendo al Governo Draghi la doverosa chiarezza sulla posizione assunta dall’Italia visto che il tema è particolarmente delicato, soprattutto in questo difficile periodo in cui le chiusure hanno purtroppo decretato la fine di molte attività.

Secondo Coldiretti questo sistema penalizza fortemente la dieta mediterranea e la maggior parte dei prodotti Made in Italy a denominazione di origine (Doc/Igp),  come ad esempio l’olio di oliva, in favore di prodotti con ingredienti di sintesi e a basso costo, spacciati ingannevolmente per più salutari.

Così si esprimono i rappresentanti dell’associazione: “È inaccettabile considerare per tutela del consumatore un sistema fuorviante, discriminatorio ed incompleto che invece di informarlo cerca di orientarlo verso cibi spazzatura con edulcoranti al posto dello zucchero, sfavorendo elisir di lunga vita da secoli presenti sulle nostre tavole. In un momento difficile per l’economia dobbiamo portare sul mercato il valore aggiunto della trasparenza, estendendo l’obbligo di indicare in etichetta il Paese d’origine di tutti gli alimenti, e combattere così la concorrenza sleale alle produzioni d’eccellenza dei nostri territori“. Parole assolutamente condivisibili, tanto più che teoricamente la tanto esaltata Unione Europea dovrebbe tutelare senza indugi i prodotti della terra, ricchi di nutrienti naturali e sani, che il clima italiano permette di coltivare ed offrire al mondo intero. 

Lo stesso Ministro dell’Agricoltura italiano, Stefano Patuanelli, è fortemente schierato contro il sistema Nutriscore da lui definito come “assolutamente inconcepibile, immotivato e ingiustificabile“, dichiarando qualche giorno fa che non possiamo permetterci che un sistema di etichettatura che si limita a mettere un bollino su un alimento senza far capire l’importanza di scelte alimentari equilibrate distrugga il sistema alimentare italiano“. Per il Ministro la questione è puramente politica e la sua intenzione è di dare battaglia in Consiglio Europeo per ribadire la posizione italiana, assolutamente contraria all’etichetta a semaforo. “La cruda realtà – insiste Patuanelliè che le esportazioni italiane coprono mercati che fanno gola ad altri e vuol essere utilizzato il sistema Nutriscore per portare via quella parte di grande capacità del nostro paese di esportare prodotti con alto valore aggiunto a favore di chi invece non ha accesso a quei mercati. E pur di colpirle – ha concluso – si è pronti a colpire la dieta mediterranea, riconosciuta Patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco“.

A rinforzare la parole del Ministro, e quindi la posizione del Governo, si aggiunge il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Francesco Battistoni, che spiega come il nostro paese sia orientato verso il “sistema a batteria”, la NutrInform Battery, che non valuta i singoli cibi, ma la loro incidenza nell’alimentazione giornaliera.

Chiarita la posizione ufficiale del paese, alcuni parlamentari in Commissione Agricoltura alla Camera, hanno chiesto di fare immediatamente chiarezza sulla posizione di Ricciardi e in caso fosse confermata la sua firma sul documento francese, che fosse o meno nel pieno delle proprie facoltà mentali, le sue dimissioni. Nel malaugurato caso non fosse consapevole di ciò che fatto, ci permettiamo di aggiungere che sarebbe opportuno un suo lockdown personale a lungo termine, onde evitare che causi ulteriori complicazioni al paese.

Eva Bergamo

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator







    SeedingUp | Digital Content Marketing

  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!