Il discorso del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin a San Pietroburgo - Russia News / Новости России

San Pietroburgo

Pubblicato il Aprile 27th, 2022 | Da Redazione Russia News

0

Il discorso del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin a San Pietroburgo

Il Presidente Vladimir Putin, ha incontrato oggi, 27 aprile 2022, i membri del Consiglio dei parlamentari presso l’Assemblea federale della Federazione Russa. La riunione del consiglio si svolgeva tradizionalmente nel Palazzo Tauride a San Pietroburgo.

Ecco il suo discorso in versione itegrale:

Colleghi, buon pomeriggio!
Saluto tutti al nostro tradizionale incontro. Mi congratulo con te e i tuoi colleghi, senatori e deputati di tutti i livelli, per la Giornata del parlamentarismo russo, nonché con i dipendenti degli organi legislativi e, naturalmente, con i veterani dell’attività parlamentare.
A maggio il Consiglio dei legislatori compirà 10 anni. Abbiamo già visto tutti che questo formato è utile e richiesto. Coordinando lo sviluppo delle leggi, seguendo i principi del federalismo, il Consiglio contribuisce allo sviluppo equilibrato del Paese, riflette tutta la diversità e la ricchezza delle nostre regioni, dei nostri territori.
Il vostro lavoro si basa su un dialogo pubblico e costruttivo. Un tale confronto aperto e concreto accresce certamente la responsabilità del Consiglio davanti al popolo, alla società per ogni promessa, iniziativa, per ogni proposta. Non dovrebbe essere che voi e io abbiamo detto qualcosa nella sfera pubblica, e poi tutto questo “sospeso”, le persone stanno aspettando – e non succede nulla. In nessun caso questo dovrebbe essere consentito.

A questo proposito, vorrei sottolineare che gli emendamenti alla Costituzione, adottati nel 2020, non solo hanno rafforzato la posizione e l’influenza del Parlamento – e questo è abbastanza ovvio, semplicemente ovvio, abbiamo rafforzato il nostro parlamentarismo – ma anche ha creato le condizioni per l’ulteriore formazione di una legislazione indipendente e sovrana in Russia, per lo sviluppo della giurisdizione nazionale senza insegnamenti e interferenze di forze esterne. È il popolo e solo il popolo russo la fonte del potere nel nostro paese.
I suoi rappresentanti, i partiti parlamentari, nonostante tutta la concorrenza tra loro, escono invariabilmente con una posizione unitaria quando si tratta di interessi nazionali fondamentali, sulla risoluzione delle questioni di difesa e sicurezza della nostra Patria.

Un tale atteggiamento patriottico è comprensibile, vicino alle persone, sempre sostenuto dalla maggioranza, dalla stragrande maggioranza dei cittadini. Lo dimostrano le elezioni e tutti i sondaggi dell’opinione pubblica, e in linea di principio non può essere altrimenti, perché l’amore per la Patria è uno dei fondamenti chiave della statualità russa e il valore più importante per la nostra società, che si manifesta invariabilmente nei momenti decisivi per il paese.
Tale unità di persone vale molto, garantisce che la Russia risponderà adeguatamente alle sfide e alle minacce più complesse e supererà con sicurezza tutte le prove. Così è sempre stato, così sarà adesso.
E a questo proposito, voglio sottolineare ancora una volta: tutti i compiti dell’operazione militare speciale lanciata il 24 febbraio saranno, ovviamente, adempiuti al fine di garantire pace e sicurezza ai residenti delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, la Russia La Crimea e il nostro intero paese nella prospettiva storica.
Dobbiamo renderci conto chiaramente che i nostri soldati e ufficiali hanno evitato un pericolo reale che è già incombente sulla nostra Patria. Con il loro coraggio e determinazione, eroismo, hanno impedito un conflitto su larga scala che si sarebbe svolto sul nostro territorio, ma secondo scenari di qualcun altro.

Le forze che storicamente hanno perseguito e stanno portando avanti una politica di contenimento della Russia – storicamente lo stavano e stanno conducendo, era così in generale nei tempi antichi, sai benissimo perché l’hanno fatto – un paese così indipendente, enorme anche secondo alle loro idee non è necessario. Credono che rappresenti un pericolo per loro semplicemente per il fatto della sua esistenza. Sebbene ciò sia tutt’altro che vero, essi stessi rappresentano un pericolo per il mondo intero.
Ricordiamo i piani barbari dei nazisti in relazione al popolo sovietico: scacciarli. Ricordate, sì? Coloro che sono in grado di lavorare – di costringerli a lavorare, sottoponendoli a lavoro schiavo, a condizioni di schiavitù, e a chi non serve – oltre gli Urali, al Nord fino all’estinzione. Avevano tutto nei loro documenti. Questi sono documenti storici. Ricordiamo questo.
Ricordiamo anche come gli stati occidentali nei primi anni ’90 e 2000 incoraggiassero terroristi e banditi nel Caucaso settentrionale, speculando sui problemi del nostro passato, su questioni davvero problematiche, sulle ingiustizie del passato contro interi popoli, compresi i popoli del Caucaso. Ma lo hanno fatto non per renderci migliori, per niente, ma per trasferire i problemi del passato nella nostra vita presente, per stimolare i sentimenti separatisti nel nostro Paese, infine per smembrarlo e distruggerlo. È per questo che hanno fatto tutto questo, per portarci nel cosiddetto angolo ribassista. Così tanti in ogni momento hanno cercato di fare, agire in relazione alla Russia.

Non hanno raggiunto il loro obiettivo, ma non si sono riconciliati con il fatto che non sono riusciti a farlo, che noi, nonostante questo assalto, siamo riusciti a sopravvivere allora. Pertanto, in seguito, hanno anche intrapreso la preparazione massiccia di una guerra economica contro la Russia, passo dopo passo con ogni sorta di pretesti, e talvolta semplicemente senza alcun pretesto, hanno introdotto sempre più, nuove restrizioni sulle sanzioni. A proposito, anche i piani odierni di “strangolamento economico” sono falliti.
Insieme a questo, i nemici del nostro paese hanno accelerato la produzione di una nuova “arma geopolitica”: essenzialmente non è nuova, ma, ovviamente, gli hanno dato nuova forza, un nuovo slancio – si sono affidati alla russofobia e ai neonazisti, di anno in anno, hanno sfacciatamente trasformato il nostro paese vicino, l’Ucraina, in “anti-Russia”.

Lasciate che vi ricordi che quando la Russia, direi, favorevolmente, in modo amichevole, cameratesco e fraterno, ha reagito alla creazione di uno stato ucraino indipendente, ovviamente, ha proceduto dal fatto che questo sarebbe stato esattamente uno stato amico, che saremmo andati avanti insieme rafforzandoci, sviluppandoci a vicenda, creando le condizioni più competitive per il nostro sviluppo – sì, nelle nuove condizioni storiche. Ma, ovviamente, nessuno ha contato sulla creazione di “anti-Russia” nei territori storici russi, e non possiamo permettere che ciò accada. E poi, ovviamente, l’hanno portata a uno scontro, a uno scontro diretto, hanno spinto l’Ucraina a uno scontro diretto con la Russia, con il nostro Paese. Lasciate che vi ricordi che tali piani, incluso un attacco militare alla Crimea e al Donbass, sono stati, sfortunatamente, enunciati nei documenti dottrinali ucraini di oggi e il popolo ucraino è destinato al destino del “materiale sacrificabile”. Penso che questa consapevolezza stia arrivando a gran parte del popolo ucraino. L’intero corso degli eventi recenti, comprese le pretese del regime di Kiev di possedere armi nucleari, il dispiegamento di una rete di laboratori biologici occidentali sul territorio ucraino, la fornitura ininterrotta delle armi più moderne all’Ucraina, confermano che la nostra reazione a questi cinici i piani erano corretti e tempestivi.

Cari colleghi!
Voglio sottolineare ancora una volta che i nostri soldati e ufficiali, la milizia del Donbass adempiono eroicamente il loro dovere, tutti i compiti assegnati, come ho detto, saranno risolti.
Ma cosa vorrei notare e dire ora. Ne ho già parlato all’inizio dell’operazione militare speciale. Consentitemi di sottolineare ancora una volta: se qualcuno intende interferire negli eventi in corso dall’esterno e crea minacce strategiche per la Russia per noi inaccettabili, dovrebbe sapere che i nostri attacchi di rappresaglia saranno fulminei e veloci. Abbiamo tutti gli strumenti per questo, che nessuno può vantare ad oggi di avere. E non ci vantiamo di questo, ma li useremo se necessario. E voglio che tutti lo sappiano, abbiamo preso tutte le decisioni su questo argomento.
Cari colleghi!
Voglio ringraziare tutte le fazioni della Duma di Stato e il Consiglio della Federazione per la loro fermezza e solidarietà, per garantire l’alto ritmo e la qualità del lavoro legislativo in stretta collaborazione con il governo della Federazione Russa. Mi auguro che i legislatori delle regioni lavoreranno altrettanto intensamente e coordineranno altrettanto rapidamente le loro attività con le autorità esecutive regionali.

Tra le misure di cui parlo ci sono già diversi pacchetti di misure anti-sanzioni adottate in due mesi, decine di leggi e statuti importanti che sono già passati attraverso le assemblee legislative e attraverso il parlamento russo.
Vorrei sottolineare che nel prossimo futuro verranno prese decisioni concrete sull’indicizzazione delle pensioni, di tutte le prestazioni sociali, nonché degli stipendi degli specialisti impiegati nel settore pubblico. Per l’attuazione pratica di questo passaggio, chiedo ai parlamentari di elaborare attentamente tutti gli emendamenti ei meccanismi giuridici necessari.
Queste e le altre nostre decisioni mirano a fornire assistenza diretta alle categorie di cittadini più vulnerabili: le famiglie con bambini e le persone della generazione più anziana. Anche i settori chiave dell’economia, le imprese strategiche, le piccole e medie imprese stanno ricevendo e continueranno a ricevere sostegno. Di conseguenza, adottando le misure che ho appena menzionato, non solo abbiamo ammorbidito, ma, come già accennato, respinto, bloccato il primo vero colpo, come credeva l’Occidente, un colpo schiacciante delle sanzioni illegittime contro il nostro Paese.

Il nostro sistema bancario, la valuta nazionale, i trasporti, il commercio e l’economia nel suo insieme hanno resistito e non sono “caduti” – no, anzi, ora rappresentano una buona risorsa per lo sviluppo, per lanciare nuovi progetti nelle infrastrutture, nell’industria, nello sviluppare e sbloccare le potenzialità di tutte le nostre regioni. Indubbiamente, questo è il risultato di una politica socioeconomica equilibrata e responsabile degli ultimi anni, l’attuazione dei nostri progetti nazionali, il risultato, ovviamente, del vostro, cari colleghi, un lavoro ben coordinato ed energico nelle attuali condizioni straordinarie.
Chiedo a voi, insieme ai ministeri e ai dipartimenti, alle équipe del governatore, come ho già detto, alla comunità imprenditoriale, scientifica, di esperti, di continuare a sviluppare nuove misure anticrisi efficaci e calcolate, di rafforzare il controllo parlamentare dall’interno sull’attuazione di decisioni, per supportare le nostre persone.
Allo stesso tempo, è necessario non solo garantire la stabilità dell’economia, il mercato interno, il lavoro ritmico delle imprese industriali, ma anche rafforzare la sovranità industriale e tecnologica del nostro paese e, in alcune aree, la leadership globale. Questo è un compito assolutamente possibile per risolverlo, dove abbiamo – e abbiamo – le basi scientifiche necessarie, le scuole di ingegneria e le strutture di produzione.

Quanti aerei abbiamo prodotto prima? Le compagnie di trasporto hanno acquistato attrezzature straniere con grande piacere. Sì, le apparecchiature straniere presentano vantaggi in termini di rumore e carburante, ma è necessario che i nostri produttori si impegnino per questi standard. Ma difficilmente potrebbero risolvere questo problema in condizioni in cui il mercato interno è conquistato da produttori stranieri, ecco il problema. E così è con quasi tutti i prodotti. Ma dove possibile, dove, ripeto, abbiamo scuole avanzate, personale ingegneristico, potenziale formato, ha bisogno di essere sviluppato. Abbiamo molte di queste aree. Per molti settori della produzione e della produzione high-tech si aprono opportunità buone, nuove e moderne.
Come ho già detto, risponderemo a restrizioni esterne rudi, spesso goffe, alla distruzione di tutti i diritti e accordi civili, ai tentativi di isolarci con una maggiore libertà di imprenditorialità, apertura a un partenariato onesto, rispetto e protezione affidabile dei proprietari e coscienziosa investitori. Tutti questi compiti richiedono la partecipazione diretta dei deputati sia al centro che nelle regioni.

Vi chiedo personalmente, direttamente, di lavorare con i responsabili dei comuni e delle imprese, con le imprese, le ONG, i collettivi di lavoro, per aiutarli a risolvere i problemi che si presentano e, di conseguenza, per raggiungere ulteriori misure di sostegno sistemico. E aggiungerò che una responsabilità speciale in questo caso ricade su Russia Unita, ovviamente, in quanto partito dirigente. Ma ora faccio appello a tutti i partiti parlamentari: vi chiedo di lavorare in solidarietà.
In generale, chiedo a tutti voi di essere in contatto diretto con le persone. Di chi siano gli elettori e se qualcuno sia andato alle urne in generale, oggi generalmente non è importante, non importa. È importante che tutte le persone, che tutte dedichino tempo e attenzione, rispondano se si rivolgono a te per aiuto e protezione, ea volte le persone vengono solo per un consiglio – e tu devi rispondere a questo.
E un altro compito estremamente significativo per chi lavora nei comitati di affari internazionali, nei gruppi di amicizia con colleghi di altri paesi. Capisco che in alcune sedi sia diventato completamente impossibile, e probabilmente inutile, lavorare, diciamo, in PACE. In generale, molte di queste piattaforme sono state create all’inizio degli anni ’90 non per armonizzare le relazioni in Europa, ma per influenzare lo spazio post-sovietico. Lo sappiamo bene. Ma questi strumenti sono sopravvissuti al loro tempo, nessuno ne ha più bisogno. Lascia che affrontino i propri problemi, che combattano per salari più alti e per risolvere i problemi che hanno lì, non ci vorrà tempo per parlarne qui. Questo vale anche per i diritti umani, i diritti delle donne, diciamo, e così via, la disuguaglianza delle donne nel mercato del lavoro. In Europa, negli States, questo è pieno, lasciate che affrontino i loro problemi.

Ma ora, tuttavia, è necessario utilizzare il più possibile tutti i formati ei canali disponibili della diplomazia parlamentare: in Europa, in Asia, in Africa, in America – quelli che restano. I contatti diretti non faranno mai male, perché lì abbiamo tanti sostenitori, te lo assicuro, e tu stesso lo sai. Ma dobbiamo lavorare con loro per argomentare la nostra posizione, difendere la verità, trasmettere informazioni alle persone che vogliono conoscerle, informazioni veritiere.
L’altro ieri, al Consiglio della Procura generale, ho parlato della necessità di costituire una base probatoria dettagliata e inconfutabile per tutti i crimini efferati, le violazioni del diritto internazionale umanitario da parte di neonazisti e mercenari stranieri. E ce ne sono sempre di più, in Ucraina, che compaiono: ancora una volta, diverse persone sono state nuovamente uccise, diverse sono state arrestate, presto il ministero della Difesa le presenterà al pubblico. A queste atrocità sarà certamente data una valutazione giuridica obiettiva. Ma ora dobbiamo sollevare tutte queste questioni a livello internazionale, anche a livello parlamentare.

Ho già parlato del tentativo impedito dal regime di Kiev di eliminare, di eliminare fisicamente alcuni dei nostri giornalisti attraverso attacchi terroristici. Cosa devo dire a questo proposito?
Criminali, terroristi sono stati neutralizzati, detenuti e con loro sono in corso azioni investigative. Ma non è un segreto che tali metodi – uccidere i propri giornalisti e politici proprio per strada – siano stati usati abbastanza spesso sul territorio dell’Ucraina negli ultimi anni. Ora abbiamo deciso di trasferire questa pratica nel nostro territorio.
Ovviamente, faremo di tutto per proteggere le persone che lavorano sui canali ufficiali russi, in televisione, alla radio, per proteggere quelle persone che lavorano su Internet e assumono una posizione patriottica, e queste, ovviamente, sono la stragrande maggioranza nello spazio mediatico
del nostro paese. Ma dobbiamo capire che una tale minaccia esiste. Naturalmente, non possiamo mettere guardie sotto forma di UST, FSB o Guardia nazionale per tutti, ma faremo e dobbiamo fare del nostro meglio per garantire la loro sicurezza.

Ma quello che voglio dire, e di cui sono assolutamente sicuro. Tali tentativi di intimidire coloro che lavorano nello spazio mediatico, di intimidire i giornalisti russi che assumono una posizione patriottica, sono destinati al completo fallimento. Al contrario – non ne dubito per un secondo – porterà ancora più persone nelle loro fila per dimostrare che abbiamo persone che non hanno paura di nulla e che sono pronte e difenderanno gli interessi del nostro Paese.
Cari colleghi!
Ci sono una serie di compiti urgenti nella vostra agenda. Vi auguro buona fortuna e successo nel vostro futuro lavoro. E, naturalmente, mi congratulo con tutti per l’imminente grande festa principale per noi: la festa della Grande Vittoria! Sono sicuro che la volontà inflessibile, il coraggio, la fedeltà alla Patria ispireranno sempre voi e tutti noi.
Grazie per la vostra attenzione.
Vi auguro il meglio. Grazie.

Vladimir Putin

video integrale dell’intervento:

CLICCA MI PIACE:

Tags: , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in Alto ↑
  • Translator





  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine




  • Выбранный для вас!