Energia

Pubblicato il agosto 19th, 2018 | Da Redazione Russia News

0

GASDOTTO NORTH STREAM 2: LE INTESE PUTIN-MERKEL ANTI TRUMP

Berlino – Germania e Russia stringono i bulloni delle intese energetiche (in primis sul North Stream 2) e non solo. E’ questo il senso dell’incontro tenuto ieri fra Vladimir Putin e Angela Merkel a Berlino.

Il gasdotto Nord Stream 2 non è una minaccia per l’Ue e l’Occidente, bensì una opportunità per l’Europa. È il messaggio più forte lanciato da Vladimir Putin prima dell’incontro al castello di Meseberg, in Germania, con la Cancelliera tedesca Angela Merkel, ieri.

Advertisements

La Russia, ha specificato il leader del Cremlino, spera che “Nord Stream 2 migliorerà la distribuzione del gas in Europa e contribuirà al suo sviluppo“. Putin ha ricordato che “la Germania è fra i nostri partner commerciali principali: da noi vi sono oltre 5mila aziende tedesche, l’anno passato sono stati investiti 17 miliardi di dollari in Russia; cooperiamo in particolare sull’energia, la Germania è il nostro principale acquirente, il consumo di gas cresce quest’anno del 13% ed è un paese importante non solo come compratore ma anche paese cruciale per il transito del gas“.

Progetto Nord Stream 2 che non esclude l’Ucraina come possibile Paese di transito del gas russo verso l’Europa, ha assicurato Putin. “L’importante è che questo transito risponda alle esigenze economiche”, ha detto il presidente russo a Meseberg, assicurando che “Nord Stream 2 è un progetto esclusivamente economico“.

Prima di incontrare la cancelliera tedesca, Vladimir Putin, in Austria, danza con la sposa, la ministra degli Esteri austriaca, Karin Kneissl, che lo aveva invitato al suo matrimonio, e lascia aspettare Angela Merkel per una buona mezz’ora. Ma giunto al castello di Meseberg, al fianco della cancelliera, il presidente russo ha però rilanciato gli interessi comuni nella partnership coi tedeschi, spingendo soprattutto sul gasdotto Nord Stream 2, che rafforzerebbe l’Europa. Il progetto che Donald Trump vuole sanzionare fornisce in effetti il terreno di intesa fra Berlino e Mosca, alla ricerca di un riavvicinamento pragmatico, in chiave anti Usa. Ed è Merkel a sottolineare subito “la responsabilità della Russia e della Germania” nel trovare “soluzioni ai conflitti internazionali“.

Un’apertura, prima di iniziare un bilaterale per nulla facile (il secondo nel giro di 3 mesi dopo Sochi), arriva subito sul ruolo dell’Ucraina: Putin non ha escluso la possibilità che Kiev continui ad esercitare un ruolo nel transito del gas, anche dopo la costruzione del nuovo gasdotto. Un tema meramente economico, dal suo punto di vista. E in questo ha assecondato la linea della cancelliera, la quale ha posto i suoi paletti per continuare a collaborare. Il difficile interlocutore di Frau Merkel – la Sueddeutsche Zeitung lo ha definito una sorta di “Seehofer della scena internazionale” per la Bundeskanzlerin – ha anche rivolto un accorato appello, affinché l’Ue aumenti il suo impegno in Siria, partecipando alla ricostruzione.

Soprattutto in vista del rientro di milioni di profughi. Nella breve dichiarazione, rilasciata prima del pranzo di lavoro, il leader russo si è dipinto come partner affidabile dell’Europa, sottolineando la dipendenza dal gas di Mosca (con toni diversi, ovviamente, da quelli sferzanti usati recentemente da Trump): negli ultimi 50 anni, ha detto, “la Russia ha sempre assicurato in modo stabile l’approvvigionamento energetico europeo“. “La Germania è uno dei maggiori consumatori del gas russo. Il consumo cresce di anno in anno, e l’anno scorso è aumentato del 13%. Ora lavoriamo insieme ai partner tedeschi al progetto della condotta del North Stream 2, la cui implementazione permetterebbe il completamento del sistema di trasporto di gas in Europa, minimizzando i rischi del transito, e assicurando il rifornimento energetico“. Il ruolo dell’Ucraina, su cui si sono registrate delle frizioni, ha avuto peso in entrambe le dichiarazioni: “Ribadisco che dal mio punto di vista l’Ucraina, anche quando ci sarà North Stream 2, dovrà avere un ruolo nel transito del gas verso l’Europa“, ha affermato Merkel. E Putin l’ha parzialmente assecondata: “L’importante è che questo transito, che in Ucraina è tradizionale, risponda ad esigenze economiche”. “North Stream 2 è solo un progetto economico“, ha detto il presidente. Allineati sul sostegno all’accordo nucleare con Teheran, i due leader hanno fatto riferimento poi a dossier cruciali come Ucraina e Siria. “Sull’Ucraina purtroppo non andiamo avanti, e vorremmo sottolineare anche stasera l’imprescindibilità della realizzazione degli accordi di Minsk“.

Parleremo della missione Onu, che vorremmo avesse un ruolo nella pacificazione“, ha affermato dal canto suo Merkel. È poi sul fronte siriano che Putin ha citato esplicitamente le sue aspettative nei confronti dell’Ue: “È importante rafforzare il sostegno comunitario per la Siria, mi riferisco in particolare alle prestazioni degli aiuti umanitari“. In vista del rientro di milioni di profughi presenti in Europa, Giordania, Turchia e Libano, Putin chiede più impegno per infrastrutture basilari, come “il rifornimento dell’acqua e il ripristino di assistenza medica” nelle regioni in cui i rifugiati dovranno fare ritorno.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator






  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!