Commercio

Pubblicato il agosto 7th, 2015 | Da admin

0

DISTRUTTE TONNELLATE DI PRODOTTI PROVENIENTI DAI PAESI CHE AVEVANO ADOTTATO LE SANZIONI CONTRO LA RUSSIA

Mettendo in pratica il decreto firmato da Vladimir Putin mercoledì, il premier russo Dmitrij Medvedev ha annunciato giovedì mattina la lista dei prodotti agroalimentari che per un anno saranno bloccati  (escludendo vini e bevande,Distruzione dei prodotti importati in Russia illegalmente e alimenti destinati all’infanzia) alle frontiere della Russia, “nell’interesse nazionale della Federazione”, così come aveva scritto lo stesso presidente. Questa la risposta del Cremlino ai Paesi che hanno deciso le sanzioni economiche “antirusse” e che ora sta già provocando le prime ovvie conseguenze.

Secondo il vice primo ministro Arkady Dvorkovich, al momento sono stati identificati circa 800 tentativi di violare l’embargo. Martedì scorso il primo lotto di alimenti “proibiti” – Arkady Dvorkovich vice primo ministro russo114 tonnellate di carne di maiale introdotte dall’Unione europea con documenti falsi – sono state distrutte. Ieri stessa sorte hanno subito 20 tonnellate di formaggi e anche tre camion carichi di pesche. Il capo dell’agenzia federale dell’Agricoltura Sergey Dankvert ha detto  che la firma del decreto  ha già immediatamente ridotto del 90% i tentativi di importazione illegale in Russia.

Advertisements

Nel frattempo, dal Mercoledì scorso il sito Change.org ha raccolto 200.000 firme su una sola settimana in segno di protesta controIl niovo decreto presidenziale russo sui prodotti importati ne prevede la distruzione se illegali © TASS Donat Sorokin l’eliminazione dei cibi. Il direttore del Political Studies Institute, Sergey Markov, ha chiesto di fornire solidi argomenti al grande pubblico per giustificare l’eliminazione dei prodotti derivanti dalle sanzioni.

Gli alimenti oggetto dell’embargo vengono portati in Russia illegalmente. I documenti di accompagnamento sono falsi. Un’esame approfondito sarà comunque effettuato solo nel caso in cui questi prodotti Sergey Markov  direttore del Political Studies Institutesiano abbastanza buoni per essere commestibili e in questo caso potranno essere inviati a case per anziani o ad orfanotrofi. E’ una procedura piuttosto costosa, in cui sono coinvolte tonnellate di cibo “, ha detto  Markov all’agenzia di stampa TASS. “I prodotti soggetti a embargo che arrivano in Russia creano un ambiente favorevole per la corruzione. Se questi cibi non vengono distrutti,  potrebbero essere facile obiettivo di funzionari corrotti e anche la vendita all’asta dei prodotti sequestrati sarebbe inutile. Esistono strategie nascoste ben oliate, ideate da Vladimir Putin presidente della Federazione Russacoloro che portano illegalmente questi prodotti e che  li offrono a chi acquista in queste aste, per quasi nulla. In virtù di queste ragioni, è stata presa la decisione di eliminare gli alimenti illegali “, ha infine concluso Markov.

Un membro della Camera civica, Dmitry Chugunov, ritiene che “i produttori agricoli nazionali non saranno mai in grado di raggiungere risultati positivi a meno che la Russia riesce a scrollarsi di dosso la sua dipendenza dalle importazioni alimentari.

Mikhail Remizov  President of the Institute of National Strategy in MoscowMikhail Remizov , presidente  dell’Istituto di Strategie nazionali a Mosca, ha infine dichiarato: “L’obiettivo delle misure adottate per distruggere cibi con l’embargo è quello di reprimere il mercato nero al dettaglio in Russia. Il governo non vede altro mezzo per spazzare via i modelli di approvvigionamento di prodotti agricoli illegali.

RED

(fonte: Tass)

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator







  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!