Crisi afghana: la Russia consoliderà il controllo dell'Asia centrale - Russia News / Новости России

Esteri

Pubblicato il Agosto 20th, 2021 | Da Redazione Russia News

0

Crisi afghana: la Russia consoliderà il controllo dell’Asia centrale

Insieme a Pakistan e Cina, la Russia ha acquisito un’ampia influenza nelle questioni di sicurezza a spese degli Stati Uniti e dell’India. Mentre il governo afghano è crollato questa settimana a Kabul e gli Stati Uniti si sono affrettati ad accelerare i loro sforzi di evacuazione, centinaia di veicoli corazzati russi e pezzi di artiglieria erano chiaramente visibili a centinaia di miglia di distanza, al confine con il Tagikistan. Facevano parte di un’esercitazione militare di alto profilo che si svolgeva a sole 12 miglia da una posizione talebana, ed erano lì, ha detto un generale russo, per fare un punto.
“Sono tutti visibili”, ha detto il generale Anatoly Sidorov, comandante delle forze coinvolte nell’esercitazione. “Non si nascondono“.


Ora sarà la Russia, segnalano le esercitazioni, a proteggere l’Asia centrale da potenziali violenze della porta accanto. Nella lunga lotta post-sovietica per il potere e l’influenza in Asia centrale a volte chiamata il nuovo Grande Gioco, dal caos e dalla confusione dell’Afghanistan è emerso un attore sempre più dominante: la Russia, almeno negli affari di sicurezza.
Non direi un animale ferito“, ha detto martedì il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov a proposito del ritiro della NATO e delle forze statunitensi dall’Afghanistan. “Ma questo è un gruppo di paesi che in modo molto doloroso e difficile sta rinunciando alle posizioni nel mondo a cui erano abituati per molti decenni”.
Il rafforzamento della posizione della Russia nelle questioni di sicurezza dell’Asia centrale fa parte di un più ampio cambiamento determinato dall’ascesa al potere dei talebani. Russia, Cina e Pakistan stanno tutti per guadagnare influenza negli affari regionali con il ritiro dell’Occidente, mentre gli Stati Uniti e l’India rischiano di perdere.
Sto pensando a questo come a uno spazio post-occidentale o post-americano ora“, ha detto Alexander Cooley, direttore dell’Harriman Institute della Columbia University e un’autorità in Asia centrale. “È una regione che si trasforma senza gli Stati Uniti“.
E in gran parte a vantaggio della Russia. Per Mosca, il caotico ritiro americano, pur ricordando l’umiliante ritirata della Russia dall’Afghanistan nel 1989 dopo il suo disastroso intervento decennale, è stata una vittoria della propaganda su scala globale.

Internally displaced Afghan children looking on next to their shelters on the outskirts of Kabul, Afghanistan February 3, 2021. REUTERS/Omar Sobhani

Dall’America Latina all’Europa dell’Est, la Russia ha lottato per l’influenza insistendo sul fatto che non ci si può fidare degli Stati Uniti. Nikolai Patrushev, il segretario del Consiglio di sicurezza russo, ha avvertito che presto anche gli amici americani in Ucraina potrebbero essere delusi.
Il paese è diretto verso il collasso e la Casa Bianca a un certo punto non si ricorderà nemmeno dei suoi sostenitori a Kiev“, ha detto Patrushev in un’intervista pubblicata giovedì.
La rapida caduta del governo del presidente Ashraf Ghani è stata anche una conferma della strategia, durata anni, della Russia di costruire relazioni diplomatiche con i talebani . Mentre i diplomatici occidentali si sono affrettati a fuggire da Kabul questa settimana, i funzionari russi sono rimasti lì , con i talebani che garantivano la sicurezza dell’ambasciata russa.

Ci hanno fatto una buona impressione“, ha detto questa settimana alla televisione di stato russa l’ambasciatore russo a Kabul, Dmitri Zhirnov, delle nuove guardie talebane della sua ambasciata . “Sono bravi ragazzi, ben armati.”
All’ultimo round di colloqui della Russia con i talebani a Mosca, a luglio, il gruppo ha promesso che le sue conquiste militari non sarebbero state una minaccia per la Russia o per i suoi interessi. La Russia ha ospitato i talebani per più tornate di colloqui anche se il gruppo è ufficialmente classificato come un’organizzazione terroristica vietata con la Russia, rendendo qualsiasi associazione con essa un potenziale crimine.
È pragmatismo, cinismo e ambiguità“, ha detto Arkady Dubnov, un esperto russo di Asia centrale, descrivendo la strategia del governo russo di costruire legami con i talebani. “Le persone sono rinchiuse in Russia per questo tipo di cooperazione con un’organizzazione terroristica“.

Il governo britannico di Boris Johnson, presidente di turno del G7, spinge invece in queste ore per un coordinamento della risposta alla situazione afgana allargato anche a Russia e Cina, potenze oggi “problematiche” per l’Occidente, ma cruciali e solidamente posizionate in Asia Centrale. Lo riferiscono fonti di Downing Street confermando che Londra – dopo l’idea d’un vertice digitale dei leader dei Sette sull’Afghanistan – ha proposto adesso una riunione dei membri permanenti del consiglio di Sicurezza dell’Onu (Usa, Russia, Regno Unito, Francia, Cina) estesa ai Paesi G7 che non ne fanno parte (Italia, Germania, Canada, Giappone). Questo ovviamente è il tentavivo occidentale di non lasciare il controllo dell’area nelle mani di Russia e Cina.
RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator






  • Official Facebook Page

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!