Birmania

Pubblicato il marzo 28th, 2021 | Da Redazione Russia News

0

BIRMANIA: LA POSIZIONE RUSSA

Negli ultimi giorni si sono intensificati gli episodi di violenza sui manifestanti anti colpo di stato in Myanmar (Birmania), mentre il Paese guidato ora dalla giunta militare, si candida secondo molti osservatori internazionali, a diventare l’ennesimo punto di attrito tra Occidente e Russia. Mosca ha mandato il suo viceministro della difesa Alexandr Fomìn a incontrare il capo delle forze armate birmane, Min Aung Hlaing nella capitale birmana, Naypyidaw, dove ha precisato che “per la Russia, il Myanmar dei generali è un alleato affidabile“.

Sempre Fomin ha aggiunto che “la Russia aderisce a una linea strategica per intensificare le relazioni tra i due paesi“, oltre a sottolineare un particolare non trascurabile: il generale birmano ha “preso parte alla nostra parata lo scorso anno” per il “75esimo anniversario della vittoria” sovietica nella Seconda Guerra Mondiale. Parole di un certo peso dopo il colpo di stato del primo febbraio 2021 e anche dopo che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, l’Australia e l’Unione Europea hanno imposto sanzioni al consiglio militare al potere e alla vasta rete di imprese legate all’esercito. Secondo i calcoli dell’Associazione per gli aiuti ai prigionieri politici, almeno 320 persone sono state uccise durante le proteste tra il primo febbraio e il 25 marzo.

Advertisements

Sino a qui la cronaca di questi giorni, ma in realtà la situazione dell’antica Birmania, oggi Myanmar, è frutto di azioni internazionali volti nel tempo alla conquista di ambiti spazi geopolitici.

L’India a volte ha trattato la sua politica estera come un gioco di moralità quando in realtà si tratta di affari difficili che coinvolgono interessi nazionali. Il governo indiano, in particolare sotto Manmohan Singh, spesso è balzato sul carro occidentale ogni volta che un militare in qualche paese ha spostato un regime civile che accusa la violazione dei diritti umani, ecc. La dispensa Modi deve resistere all’impulso di schierarsi con gli Stati Uniti ora che Washington ha intrapreso la sua consueta diplomazia in materia di sanzioni nei confronti del Myanmar, stimato vicino e amico dell’India.

Aung San Suu Kyi , la ex leader del Myanmar arrestata nel colpo di stato guidato da Min Aung Hlaing, aveva incredibili credenziali democratiche ma negli ultimi anni era quasi diventata un cavallo di battaglia per la Cina di Xi Jinping. Ha guidato la Chinese Belt-Road-Initiative (BRI), derivata dal corridoio economico Cina-Myanmar (CMEC) nella speranza di consolidare la presa del suo partito – la Lega nazionale per la democrazia (NLD), e la sua presa personale, sul governo e paese, ottenere l’approvazione popolare per la futura prosperità che il CMEC dovrebbe offrire e quindi gradualmente mettere da parte i generali.

L’esercito birmano, va apprezzato, è sempre stato diffidente nei confronti di Pechino e, nella misura consentita dalle circostanze, ha cercato di mantenere i cinesi a debita distanza. È proprio la distanza che l’NLD non è stata in grado di mantenere e su cui le due parti non sono riuscite a scendere a compromessi che ha portato i generali, che ne hanno avuto abbastanza della prevaricazione di Suu Kyi, e hanno semplicemente assunto il controllo diretto del governo. In termini reali, le cose potrebbero non essere cambiate molto perché, come attestano molti critici, l’NLD era comunque una foglia di fico democratica per la giunta birmana. Quest’ultima affermazione, tuttavia, non è vera. L’esercito birmano, sotto la pressione occidentale, aveva trasferito un potere e un’autorità piuttosto considerevoli al governo della NLD, nella speranza che il suo leader Suu Kyi non scuotesse la barca né si allontanasse molto dalla linea che i generali hanno sempre preso di coltivare prudentemente l’India e la Russia come contrappeso alla Cina. Nonostante molti avvertimenti, è andata fuori copione, ha firmato numerosi accordi relativi al CMEC e altri con Pechino e ha compromesso, secondo la giunta, l’interesse nazionale.

L’India è il paese a cui i generali del Myanmar si sono sempre rivolti istintivamente in caso di dubbi o difficoltà. In effetti, il rivoluzionario fondatore dell’esercito del Myanmar, il generale Aung San (padre di Suu Kyi) fu sostituito da U Nu e, timoroso della Cina, quest’ultimo supplicò Jawaharlal Nehru all’inizio degli anni ’50 per un patto di sicurezza. Il premier indiano lo ha grandiosamente respinto come non necessario e gli ha consigliato di fare la pace con la Cina! In altre occasioni da allora, per motivi di volontà inferma a Delhi e mancanza di chiarezza su dove risiedessero gli interessi nazionali e strategici dell’India, le azioni indiane hanno confuso i generali myanmariesi. Peggio ancora, il modo criminalmente tedioso e tardivo in cui il governo indiano ha implementato i suoi programmi infrastrutturali promessi – come il progetto Kaladan avviato più di 20 anni fa, che non è ancora completo, è un esempio calzante.

Contrasta con il record di società di costruzioni cinesi che eseguono progetti infrastrutturali complessi apparentemente in un batter d’occhio, il che non ha aiutato la causa dell’India. Gli interessi strategici indiani potranno andare in malora, ma il governo indiano – con MEA nel furgone – rifiuta di riformare il suo modo eccessivamente burocratizzato di fare le cose, fornendo ad altri paesi una road map su come non conquistare amici e influenzare gli stati vicini . Ha semplicemente rafforzato l’opinione dell’esercito birmano secondo cui, sebbene forse abbia buone intenzioni, l’India è semplicemente una canna troppo sottile su cui appoggiarsi. E che Naypyidaw (la nuova capitale del Myanmar) faccia meglio a fare affidamento su un’altra grande potenza più credibile per proteggere i propri interessiQuest’altra potenza non sorprendentemente è la Russia.

Così nel 2016 Russia e Myanmar hanno firmato un accordo per una cooperazione militare a lungo termine. Il governo di Vladimir Putin si aspetta di affermarsi come il principale fornitore di beni e servizi militari per gli stati del sud-est asiatico. Quelli nel governo indiano – e ci sono molti in MEA  ( Ministry of External Affairs of India ) e altrove che la pensano in questo modo, che credono che la Cina abbia invertito l’ordine dei ranghi e che la Russia sia ora il suo cagnolino, devono solo guardare con quanta assiduità sta costruendo la sua presenza nel regione per sapere che nella geopolitica emergente la Cina deve lottare tanto con la Russia quanto con gli Stati Uniti.

La conseguenza del pasticcio di Delhi è che la maggior parte degli ufficiali militari del Myanmar, che erano soliti venire nelle istituzioni militari indiane per l’addestramento, da un pò di tempo sta invece andando in Russia. Il generale Hlaing ha visitato la Russia più di quanto abbia fatto in qualsiasi altro paese e, nel gennaio di quest’anno, ha firmato per l’ampliamento della cooperazione in materia di sicurezza quando il ministro degli Esteri russo Sergei Shoigu ha visitato Naypyidaw. Il generale Hlaing ha accolto Shoigu nei termini più amichevoli e ha confermato la volontà del Myanmar di essere l’ancoraggio delle forze navali russe nell’Oceano Indiano: uno sviluppo molto grande.

Delhi rendendosi conto di essere su un pendio scivoloso, il ministro degli esteri Shringla ha visitato il Myanmar nell’ottobre 2020 e ha esteso un invito a Hlaing per visitare nuovamente l’India, il suo primo viaggio è stato nel 2017. Ma con Russia e Cina che hanno alzato la posta, il governo indiano dovrà fare molto di più che promettere di portare il generale a Darjeeling e caricarlo di pacchetti di tè Seeyok che gli piace.

Inoltre, con il CMEC che cerca di collegare Kunming a Kyaukpyu e Yangon, è tempo che Delhi proponga a Hlaing stazioni elint e radar gestite congiuntamente sulle isole Coco al largo, e che il governo di Modi prenda una frusta contro i recalcitranti babus in vari ministeri che hanno bloccato per motivi finanziari insignificanti, i progetti di sviluppo indiano nel vicinato esteso e, in questo caso specifico, sono tenuti a coordinare le loro attività con MEA, per portare a termine rapidamente il progetto Kaladan prima che Naypyidaw perda ogni rispetto per l’India e la stessa India perda la sua presa in Myanmar.

RED

CLICCA MI PIACE:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Autore Articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in Alto ↑
  • Translator







    SeedingUp | Digital Content Marketing

  • Russia News TV

  • Russia News Magazine





  • Выбранный для вас!